Leverbe si presenta: «Un onore essere qui, Cagliari ambiente perfetto»

© foto Elena Accardi per CagliariNews24

Luca Pellegrini e Maxime Leverbe, nuovi difensori del Cagliari, si sono presentati alla stampa nel pomeriggio: le parole del francese classe ’97

Alle 16, presso la sala stampa della Sardegna Arena, i neo rossoblù Luca Pellegrini e Maxime Leverbe si sono presentati alla stampa. Entrambi arrivati in Sardegna nell’ultimo giorno di calciomercato in prestito secco, vanno a rimpolpare la difesa del Cagliari dopo le partenze di Pajac e Andreolli. Pellegrini ha già avuto modo di esordire nel match contro l’Atalanta, Leverbe è invece rimasto in panchina per tutto il match.

PELLEGRINI: «NON MI SENTO DI PASSAGGIO, DARO’ IL 100% PER IL CAGLIARI»

Cagliari, Leverbe si presenta

Di seguito le parole di Maxime Leverbe: «Spero di trovare un po’ di spazio e soprattutto aiutare la squadra a raggiungere prima la salvezza, vedendo poi dove possiamo arrivare. L’esperienza a Olbia mi ha aiutato a fare i primi passi tra i professionisti. Ho potuto giocare con giocatori importanti come Pisano. Ho fatto abbastanza bene, giocando 15 partite. Mi aiuterà sicuramente. Stimo molto Giampaolo. È un grande allenatore, ti fa crescere come nessuno soprattutto tatticamente. Lo ringrazio. Non sapevo di essere il primo giocatore dell’Olbia ad arrivare in A da quando c’è la partnership tra i due club, mi fa piacere. La Serie A è un campionato importante, tra i primi 5 del mondo. Per me è un orgoglio essere qui ed essere a Cagliari, ha un passato grande e importante. Il riscatto? Darò tutto in allenamento e sul campo. Devo farmi notare dal mister e a fine stagione vedremo cosa succede. Spero di arrivare al livello degli altri due ’97, Barella e Romagna. Barella è uno dei giocatori più importanti del campionato. In difesa siamo una squadra nella squadra. Non posso dire un giocatore più importante degli altri. Ci aiutiamo tutti. Sapevo già dall’anno scorso che Cagliari era bellissima. Non ho mai visto un centro sportivo così, l’ambiente è perfetto per fare il professionista».

Dichiarazioni raccolte dal nostro inviato alla Sardegna Arena Roberto Carta