Lotta salvezza, Cagliari a +2 sulla terzultima: la situazione

© foto www.imagephotoagency.it

Si accende la lotta salvezza: l’Hellas torna in corsa, sei squadre in appena due punti. Cagliari ancora artefice del proprio destino, decisivi i prossimi scontri diretti contro Benevento, Genoa ed Hellas

Risultati inaspettati, ribaltoni, punti persi allo scadere. Alla luce delle ultime gare gli scenari in fondo alla classifica sono cambiati: se il Benevento non è riuscito a smuovere la classifica ed è rimasto all’ultimo posto con 10 punti, l’Hellas ha guadagnato 3 punti d’oro nel derby di Verona contro il Chievo. L’inattesa vittoria del Crotone, per 4-1 sulla Sampdoria, ha permesso inoltre agli squali di lasciare il terzultimo posto, ora occupato dal Sassuolo. I neroverdi hanno chiuso sull’1-1 il match contro la SPAL e proprio con gli estensi (ed il Crotone) sono appaiati in classifica. Nella bagarre anche il Cagliari, separato dal terzultimo posto da SPAL, Crotone e Chievo ma con soli due punti di vantaggio sulla zona rossa.

CAGLIARI, DECISIVE LE PROSSIME GARE – C’è rammarico per i due punti sfumati negli ultimi istanti del match di ieri contro la Lazio ma non c’è tempo per fermarsi a rimuginare: i sardi sono attesi da tre scontri diretti – tutti in trasferta – nelle prossime quattro uscite. Gare cerchiate in rosso già ad agosto ma diventate, visti gli sviluppi di classifica, fondamentali: domenica prossima i rossoblù saranno di scena a Benevento, visite poi a Genoa (recupero del 27° turno di campionato) ed Hellas dopo aver ricevuto il Torino alla Sardegna Arena. Quattro gare che diranno tanto sul finale di torneo del Cagliari. Da una parte l’occasione per portarsi lontano dalle zone calde, dall’altra il serio rischio di trovarsi nelle sabbie mobili della lotta salvezza. Con un vantaggio: la consapevolezza di essere, per ora, artefice del proprio destino.

Articolo precedente
Han cagliariViareggio Cup, i convocati del Cagliari: dentro anche Han e Caligara
Prossimo articolo
faragò cagliariCagliariNews’ Award, contro la Lazio brilla Faragò