Cagliari, la dodicesima giornata conferma: i rossoblù peggior difesa della A

© foto www.imagephotoagency.it

I cinque gol subiti nell’anticipo della dodicesima giornata contro il Torino non hanno certamente aiutato ad evitare il primato negativo di questa stagione. Al momento della terza pausa per le nazionali di questa stagione, il Cagliari si conferma la peggior difesa della Serie A. Sono ben ventinove le reti subite dai rossoblù in dodici partite. In media oltre due gol incassati a gara. Troppi per una squadra che vorrebbe fare un campionato tranquillo, anche se finora la classifica – che vede il Cagliari undicesimo – permette di lavorare senza troppe preoccupazioni.

In queste due settimane di lavoro, Rastelli si occuperà soprattuto della fase difensiva, fin qui carente e troppo arrendevole in certe situazioni. A Torino (5-1) è andato in scena lo stesso copione delle trasferte contro Juventus (4-0) e Lazio (4-1). Alle prime difficoltà la squadra si lascia andare a se stessa, finendo per subire iniziative e gol avversari. E la statistica negativa paga soprattutto questi momenti di totale balckout difensivo. Diciotto dei ventinove totali sono arrivati nelle tre partite già citate più la gara interna con la Fiorentina (5-3). Nelle restanti otto gare il Cagliari ha subito nove gol. Poco più di uno a gara. Una media decisamente più accettabile.

In generale però i rossoblù non possono continuare così. Neanche nel fondo della classifica si trovano squadre che hanno fatto così male dal punto di vista difensivo in questo inizio di stagione. Crotone, Palermo e Pescara, le ultime tre in classifica e rispettivamente seconda, terza e quinta peggior difesa del campionato, sono riusciti a fare meglio del Cagliari. I calabresi, battuti 3-0 ieri dall’Inter, ne hanno incassato 24, i rosanero 23, mentre la squadra di Oddo paga la goleada subita dall’Empoli (4-0) ed è salita a quota 20.

 

Articolo precedente
Settore giovanile: Primavera sconfitta, gli Under 17 battono la Spal
Prossimo articolo
Gigi Riva: «Il Cagliari è la casa dei sardi nel mondo. Questa squadra farà bene»