Cagliari, il weekend dei rossoblù in prestito: bene Barella e Cragno

© foto www.imagephotoagency.it

Un altro weekend di calcio si è concluso. Tra Serie A e Lega Pro sono tanti i giocatori di proprietà del Cagliari in giro per l’Italia: continua il momento d’oro per alcuni, mentre altri arrancano nelle rispettive compagini.

 

In Serie A ennesima panchina per Colombi, ormai dietro Belec nelle gerarchie di Castori.

In Serie B ottima prestazione di Cragno, che salva il Lanciano in almeno due occasioni. Il portiere classe ’94 è stato costretto ad uscire per infortunio dopo uno scontro di gioco. Nel Como, che ha pareggiata 1-1 a Latina, ancora una grande prestazione di Barella. Il centrocampista classe ’97 ha messo in mostra la solita qualità e quantità, andando anche vicino alla rete. Pomeriggio di sofferenza per l’Ascoli e per Del Fabro, partito titolare ma sempre in difficoltà nell’arginare gli attaccanti pitagorici. Settima panchina su sette convocazioni per Simone Benedetti, che non è ancora riuscito ad esordire con la maglia della Virtus Entella, uscita vittoriosa dal match casalingo contro il Bari.

 

Anche in Lega Pro è folta la colonia di rossoblù, tutti giovanissimi, che però spesso non trovano spazio. Pareggio a reti bianche per il Tuttocuoio di Lucarelli, impegnato in casa contro la Pistoiese. Da segnalare l’ingresso in campo di Muroni al 34’ del secondo tempo, solo panchina per Masia. Importante il pari del Lumezzane, che ha bloccato sull’1-1 il lanciatissimo Pordenone. In campo per tutta la gara Marco Russu: il terzino sembra essersi lasciato alle spalle i problemi di qualche settimana fa. Il Melfi ha sfiorato il successo di prestigio al “Via del Mare” di Lecce, reggiunto solo oltre il 90′ dai padroni di casa. Demontis ha guardato i suoi dalla panchina. Il Prato ha mosso la classifica pareggiando 0-0 contro il Teramo. Ancora out Capello, che ha saltato anche la scorsa partita per un infortunio al bicipite femorale. Sconfitta, infine, per la Reggiana, che al “Zini” ha ceduto il passo ai padroni di casa della Cremonese (2-1 il finale). Neanche in panchina Loi, autore finora di una stagione anonima, tra tanta panchina e poco (solo 119’ messi insieme) campo.

Articolo precedente
Serie B, altro cambio sulla panchina del Latina: arriva Gautieri
Prossimo articolo
Il presidente Giulini vincitore del Premio Prisco