I calciatori cresciuti nel Cagliari e militanti tra Serie A e B

© foto www.imagephotoagency.it

Andiamo a scoprire quanti e quali sono gli elementi cresciuti nel Cagliari che negli ultimi anni si sono affermati tra Serie A e B

Da anni si parla di rifondazione del sistema calcistico italiano e di crescita dei giovani made in Italy, con i club che dovrebbero impegnarsi a formare gli elementi delle prime squadre del futuro. Obiettivo di primo piano in casa Cagliari, che negli ultimi due anni e mezzo ha investito ingenti somme per lo sviluppo del proprio settore giovanile. Dai miglioramenti alle strutture dedicate ai giovani calciatori alla cura nello scegliere i componenti degli staff tecnici (Canzi, tecnico della Primavera, arrivò su richiesta di Beretta). Senza dimenticare la creazione di una Academy che, oltre all’affiliazione con svariate società sarde, conta centri di formazione anche oltre Tirreno. E’ di oggi la notizia che proprio Mario Beretta, Responsabile del Settore Giovanile rossoblù da due anni e mezzo, lascerà il club isolano per andare a ricoprire lo stesso ruolo al Milan.

IL CAGLIARI – Posto che i risultati del lavoro iniziato tre estati fa si vedranno nei prossimi anni, andiamo a scoprire quanti dei giocatori cresciuti nella cantera isolana negli ultimi anni sono riusciti ad affermarsi nei piani alti del professionismo nostrano. Nel dossier pubblicato dal Corriere dello Sport il Cagliari, come da tradizione, non conta un alto numero di calciatori formati ad Asseminello e poi affermatisi nei gradini più alti del calcio italiano. Sono complessivamente sette gli elementi cresciuti in rossoblù: Barella e Deiola (Cagliari), Giorico (Carpi), Murru (Sampdoria), Cocco (Pescara), Del Fabro (Novara) e Vigorito (Frosinone). Si tratta di un’indagine all’interno della quale rientrano esclusivamente i giocatori che hanno fatto la trafila delle giovanili. A loro si aggiungono i sardi Cossu (Johannes) e Sau (Tonara): l’attaccante ha vestito per due anni la maglia della Primavera mentre l’ex Olbia si è formato altrove per poi vestire il rossoblù per la prima volta soltanto nel 2005.

LA SERIE A – La speciale classifica dei calciatori militanti tra Serie A e B formatisi in un vivaio è guidata dalla Roma, che conta 44 elementi cresciuti a Trigoria di cui ben 24 attualmente in massima serie (altro record). Seguono Milan (43), Inter (40) e Juventus (37). I calciatori formati e militanti attualmente in Italia giocano per la maggior parte in Serie B (il 64.3%) ma il 52.1% è cresciuto nei vivai di club della massima serie. Il Cagliari, tra le 20 di A, è attualmente al quartultimo posto. In attesa che il lavoro iniziato oltre due anni fa da Giulini dia i suoi frutti nei prossimi anni. Con tutta probabilità, senza Mario Beretta a coordinare il lavori della cantera.

I dati raccolti dal Corriere dello Sport
Articolo precedente
sardegna arena cagliariCagliari, tattica e tecnica alla Sardegna Arena
Prossimo articolo
iachiniSassuolo, seduta pomeridiana a porte chiuse