Cagliari, finalmente una risposta di carattere

© foto www.imagephotoagency.it

Dopo un lungo periodo di fragilità tecnica e psicologica, il Cagliari torna alla vittoria grazie a una prestazione grintosa. La risposta tanto attesa

La crisi del Cagliari, fatta di numeri impietosi negli ultimi due mesi ma soprattutto di una condizione psicologica troppo esposta alla volubilità degli eventi, ha avuto contro il Parma la risposta che la piazza attendeva con crescente preoccupazione. Negli ultimi tempi ogni episodio sfavorevole aveva ripercussioni devastanti sull’approccio dei rossoblù, tanto da portarli a volte a farsi male da soli (emblematico l’autogol che ha spianato la strada al Milan una settimana fa). Ieri sera alla Sardegna Arena, in uno scontro delicatissimo per la classifica, la pressione si è fatta altissima quando gli emiliani hanno trovato la rete al primo tentativo, per di più dopo mezz’ora di arrembaggio da parte dei rossoblù. A complicare ulteriormente le cose, l’infortunio di Pellegrini – fin lì estremamente propositivo – e la necessità di sbilanciarsi davanti a un Parma costruito per essere letale in contropiede. Insomma, lo scenario perfetto per un disastro.

Si è acceso però un interruttore che era rimasto impolverato da tempo, quello del carattere di una squadra che nella prima parte del campionato aveva convinto per grinta e poi si era perduta per strada pur con l’alibi di una terribile serie di infortuni. La squadra di Maran non ha perduto la testa, anzi le ha abbinato gambe e cuore per una rimonta nient’affatto scontata. Organizzazione, freddezza e fiducia: il secondo tempo di CagliariParma ha offerto ai tifosi quegli elementi che mancavano da un pezzo e che serviva ritrovare prima possibile. La doppietta di un Pavoletti implacabile ha messo il suggello a una prestazione più che positiva di tanti uomini chiave, dall’assist-man Barella al ritrovato Cigarini passando per la grinta di Pisacane e l’acerbo entusiasmo di Despodov. Il cammino è ancora lungo e la salvezza è tutta da conquistare, ai rossoblù si chiedeva di ritrovare il cuore e la risposta vale tre punti d’oro.