Cagliari, continua l’emergenza a centrocampo

© foto www.imagephotoagency.it

Ionita, Joao Pedro, Padoin, Dessena e Tachtsidis. No, non è il centrocampo che Rastelli si prepara a schierare nella sfida di sabato prossimo contro il Chievo, ma piuttosto l’elenco dei giocatori indisponibili. Ancora una volta il tecnico rossoblù sarà costretto a reinventrare la formazione, soprattutto nel reparto centrale, dove i giocatori al momento disponibili sono solo tre: Davide Di GennaroGianni Munari Nicolò Barella. Ci sarebbe anche Mauricio Isla, che durante questa stagione ha giocato anche da mezzala, salvo poi ritornare a fare il terzino destro in seguito all’infortunio di Nicola Murru. Ora però le indisponibilità aumentano e il puzzle da risolvere diventa sempre più complicato.

INDISPONIBILI – Artur Ionita Joao Pedro sono da tempo k.o. a causa delle brutte fratture che si sono procurati ad inizio stagione che li costringeranno a rientare solo nel 2017. Daniele Dessena è stato squalificato per due giornate dopo il rosso rimediato a Torino settimana scorsa. Panagiotis Tachtsidis ha riportato un trauma contusivo distorsivo alla caviglia destra durante l’amichevole della sua Grecia contro la Bielorussia, mentre Simone Padoin, già non al meglio prima della gara contro i granata (in cui è comunque entrato in campo), continua a lavorare a parte.

SOLUZIONI – In attesa di valutare le condizioni di Tachtsidis, la speranza in casa Cagliari è almeno quella di recuperare Padoin. Contro il Chievo potrebbe tornare a fare il regista Davide Di Gennaro, lasciando spazio dietro le punte a Barella, con Gianni Munari che occuperebbe l’ultimo slot disponibile a centrocampo. In caso di forfait del “talismano”, Rastelli potrebbe avanzare nuovamente Isla, anche se tornerà solo all’ultimo dal Sudamerica e soprattutto sulla linea dei difensori c’è da considerare al momento l’indisponibilità di Pisacane, che si aggiunge a quella di Murru Capuano, lasciando il solo Bittante come terzino. Se nessuno dovesse recuperare, a Rastelli non resta che riprovare a giocarsi la carta tridente, anche se magari in modo diverso rispetto al disastro tattico visto contro il Torino. Diego Farias, ormai pienamente recuperato, potrebbe tornare a vestire i panni del trequartista, alle spalle di due attaccant tra SauBorriello Melchiorri. Una disposizione che il tecnico ha dichiarato essere troppo offensiva per la Serie A, ma nell’emergenza sarebbe meglio affidarsi ad un modulo e uno schieramento già conosciuto alla squadra.

Articolo precedente
Under 20, Barella giocherà anche contro la Svizzera
Prossimo articolo
Nazionali rossoblù, domani il Portogallo di Bruno Alves affronta la Lettonia