Anticipi scudetto, ex rossoblù ancora protagonisti

© foto www.imagephotoagency.it

Negli anticipi del quinto turno di ritorno del campionato di serie A andati in scena ieri sera allo Juventus Stadium di Torino e all’Olimpico di Roma, sono stati ancora una volta protagonisti due grandi ex rossoblù quali sono Alessandro Matri e Federico Marchetti che rispettivamente con Juventus e Lazio hanno confermato entrambi il loro stato di grazia. Ma andiamo con ordine.

Nella vittoria dei bianconeri (sulla Fiorentina di Vincenzo Montella) c’è ancora il suo zampino. L’attaccante si Sant’Angelo Lodigiano ha messo in rete la palla del 2 a 0 finale con il goal personale numero sei in stagione. L’ennesima marcatura (5 goal nelle ultime 7 partite giocate) conferma lo stato di forma che attraversa l’ ex bomber rossoblù che ora si propone con prepotenza come uno dei candidati alla maglia da titolare per la sfida al Celtic in Champions League. Con il sesto centro di ieri (arrivato al minuto numero 40) va ad incrementare ulteriormente la sua già alta media realizzativa che, considerando il totale dei minuti nei quali è stato impiegato fin qui, ne fanno di lui uno degli attaccanti bianconeri più prolifici a disposizione del tecnico Antonio Conte (leggi qui). 

All’Olimpico di Roma è andato in scena un grande match tra due delle squadre che sono tra le più belle realtà di questo campionato. Lazio e Napoli (immediate inseguitrici della Juventus in classifica) hanno dato vita a una partita spettacolare dove tante sono state le occasioni da goal e tanti gli interventi dei due portieri. Nell’1-1 con cui è terminato il match c’è sicuramente tanto dell’operato di Federico Marchetti, l’ex estremo difensore rossoblù che a forza di grandissime prestazioni sta dando una grossa mano ai biancocelesti di Petkovic e sta così riconquistando la fiducia del ct della Nazionale Cesare Prandelli. Nella gara di ieri, dopo qualche leggera indecisione nel primo tempo, sono strepitosi gli interventi compiuti prima su Inler e poi su Pandev che consentono alla sua squadra di non capitolare di fronte a un Napoli rinvigorito dal pareggio e in avanti alla ricerca del goal vittoria. 

Articolo precedente
Altra sconfitta per l’Atlante di Larrivey
Prossimo articolo
“Accadde il 10 febbraio”