Alla scoperta dei Primavera: Federico Marigosu

© foto Elena Accardi per CagliariNews24.com

Impariamo a conoscere i piccoli talenti della Primavera del Cagliari. Alla scoperta del trequartista classe 2001 Federico Marigosu

Tra i tanti talenti della Primavera del Cagliari, ce n’è uno in particolare che quest’anno sta facendo parlare tanto di sé. Si tratta di Federico Marigosu, trequartista di Decimomannu della squadra di Lavecchia.

LA SCHEDA – Sardo d.o.c, nasce a Cagliari il 21 aprile 2001. Federico Marigosu è un trequartista della Primavera rossoblù, ma spesso viene adoperato pure come ala sinistra (alcune volte anche destra) e punta centrale. Il suo piede forte è il destro. Ispirato forse dalla grande passione per il pallone del padre, comincia a tirare i primi calci nella scuola calcio del suo paese, il Decimo 07. All’età di 11 anni entra a far parte del Club più importante della Sardegna. Comincia dunque la sua crescita professionale come calciatore. Nel corso degli anni al Cagliari ha avuto tanti validi allenatori, ma quello che probabilmente ha contribuito di più alla sua maturazione è stato David Suazo, mister che lo ha guidato nei primi anni di Under 17. Sbarca in Primavera settembre 2018. Un vero guerriero in campo, forte nel recupero palla e dotato di un ottimo piede con il quale serve tanti preziosissimi assist per i compagni. Molto offensivo, non ha paura ad usare il suo fisico, è forse uno degli elementi isolani più temuti dalle compagini avversarie. È dotato di grande tecnica, buon dribbling, velocità e visione di gioco. Pecca un po’ nelle conclusioni sotto porta.

LA SUA STAGIONE – Una stagione brillante quella di Marigosu, iniziata con l’esordio in prima squadra nell’amichevole estiva contro il Leeds. Ha totalizzato in questa annata ben diciotto presenze in campionato, coronate da un gol e nove assist e una presenza in Primavera Tim Cup. Sempre sotto i riflettori grazie alle sue prestazioni, è stato notato anche dal ct della Nazionale U19 Bollini. Ha vestito la maglia azzurra per quattro volte quest’anno, esordendo l’11 ottobre 2019. In passato aveva già indossato i colori dell’Italia in quanto aveva già ricevuto due convocazioni con l’Italia U16 nel novembre 2016. Ma una delle soddisfazioni più grandi è stata forse quella della firma del suo primo contratto da professionista nel gennaio 2020. Dato il suo immenso talento, il presidente Tommaso Giulini che ha ben pensato di blindare il calciatore alla sua società fino al 2023.

A CHI SOMIGLIA – Per caratteristiche tecniche e fisiche, viene spesso paragonato al grande rossoblù, anche lui sardo d.o.c, Gianfranco Zola. Si dice però che somigli pure ad un centrocampista attuale, ovvero Luis Alberto.

IDOLI E FONTI DI ISPIRAZIONE – Innamoratissimo e tifosissimo da sempre della squadra per cui gioca, il suo idolo non poteva che essere un ex calciatore del Cagliari, rimasto nel cuore di tutti i sostenitori isolani, Andrea Cossu. Di lui ha sempre ammirato la tenacia e la grinta posta in campo, il suo essere combattente su ogni pallone e la sua eleganza nei movimenti. Un idolo diverso dai soliti big del panorama mondiale, dal quale Marigosu attinge i segreti del mestiere nella speranza che questi possano portarlo a realizzare il suo sogno più grande: la Serie A.

SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM!