Calciomercato Cagliari, nessun botto: occhi sulla difesa

Capozucca
© foto www.cagliarinews24.com

Parte il calciomercato invernale. In casa Cagliari non c’è alcuna fretta: sarà una campagna senza botti, con qualche intervento in entrata ed uscita per dare nuova linfa in alcune zone del campo

CALCIOMERCATO CAGLIARI E’ ufficialmente iniziato il mercato di gennaio ed il Cagliari, quattordicesimo in classifica con 13 punti di vantaggio dalla terzultima, non pare intenzionato a fare follie. L’obiettivo è quello di puntellare i reparti mostratisi carenti nella prima parte di torneo, come spiegato dal presidente Giulini prima e dal direttore sportivo Capozucca poi.

DIFESA – Oltre alla questione portiere, che i sardi dovrebbero risolvere con uno scambio dei prestiti dei cartellini di Storari e Gabriel con il Milan, si guardano altri reparti che hanno bisogno di rinforzi. A partire dalla difesa, reparto particolarmente fragile sugli esterni. Soprattutto a sinistra, dove l’infortunio di Murru ha lasciato spazio a Bittante, incapace di convincere nelle occasioni concessegli da Rastelli. Ecco, allora, che torna in voga il nome di Davide Brivio del Genoa. Per il terzino il Cagliari aveva sondato il campo già la scorsa estate, prima del passaggio al Grifone. Ora, considerato lo spazio nullo che il classe ’88 si è ritagliato sotto la Lanterna, il club isolano potrebbe partire nuovamente all’assalto del difensore per assicurarsi un giocatore che garantisca esperienza sull’out basso di sinistra. Sullo sfondo resta l’ipotesi Miangue, terzino sinistro classe ’97 che all’Inter ha raccolto appena 3 presenze.

CENTROCAMPO – Lavori in corso anche a centrocampo. L’intenzione del club è di blindare fino a fine stagione Di Gennaro (in scadenza proprio a giugno 2017): il principale indiziato per lasciare la Sardegna è Gianni Munari. Su di lui ci sono due nobili decadute vogliose di tornare in breve tempo nel calcio che conta: Venezia e Parma, militanti in Lega Pro, negli scorsi giorni avrebbero manifestato interesse per il classe ’83. In caso di partenza del centrocampista emiliano il Cagliari potrebbe prendere in considerazione l’idea di riportare alla base il centrocampista Deiola, attualmente in prestito allo Spezia in Serie B, mentre non è possibile fare lo stesso per Colombatto. Per entrambi è la prima esperienza lontano dal Cagliari e le difficoltà di un torneo lungo e logorante, unite all’inesperienza, hanno pesato sul loro campionato. Appena 605 minuti ed una rete per il sangavinese classe ’95, 999 invece i minuti giocati da Colombatto nel Trapani, con un assist. Numeri a parte, i due giovani non sono quasi mai riusciti a convincere, rimanendo spesso in ombra anche per via delle difficoltà incontrate dalle rispettive squadre in stagione.

ATTACCO – Quello offensivo è il reparto che preoccupa meno i vertici del club sardo. L’infortunio di Melchiorri potrebbe portare un attaccante, Avenatti il nome accostato negli ultimi giorni al sodalizio isolano. Lo stop dl centravanti marchigiano, nel frattempo, ha bloccato la possibile cessione di Niccolò Giannetti, utilizzato con il contagocce nella prima parte di stagione: il senese potrebbe trovare più spazio qualora il Cagliari decidesse di non intervenire nel calciomercato di riparazione.

Condividi
Articolo precedente
capozuccaCagliari, Capozucca: «Sarà un mercato tranquillo»
Prossimo articolo
pisacanePisacane a 360 gradi: «Finalmente la A, Cagliari è un punto d’arrivo»