Connettiti con noi

Hanno Detto

Superlega, Florentino Perez avverte: «Bisogna muoversi o i club falliranno»

Pubblicato

su

Florentino Perez non si arrende e torna a parlare della Superlega di quanto serva una cambiamento nel mondo del calcio

Florentino Perez, presidente del Real Madrid ed esponente numero uno della Superlega, in una intervista ad AS è tornato a parlare della competizione che domenica notte ha fatto esplodere il caos nel mondo del calcio.

SUPERLEGA ESISTE  – «La società esiste e anche i partner che compongono la Super League. Quello che abbiamo fatto è stato concederci qualche settimana per riflettere sulla virulenza con cui alcune persone che non vogliono perdere i propri privilegi hanno manipolato il progetto».

MONOPOLIO UEFA – «No, perché anche se fosse stato fatto in un modo o nell’altro, la reazione di quei pochi privilegiati sarebbe stata la stessa. Già a gennaio il presidente Uefa ha emesso duri avvertimenti alla Super League. Volevamo discutere i dettagli con la UEFA, ma non ci hanno nemmeno dato il tempo. Fu organizzata un’operazione orchestrata e manipolata, come non avevo mai saputo. Non ho mai visto niente di simile. Siamo stati costretti ad andare in tribunale, che ha emesso un provvedimento molto precauzionale che dice tutto. Ordina alla UEFA e alla FIFA, nonché alle leghe e federazioni nazionali, di astenersi dall’adottare qualsiasi misura o azione, dichiarazione o comunicazione che impedisca la preparazione della Super League.. A mio parere, quella sentenza pone fine al monopolio dell’UEFA. Ma anche se è andato in onda martedì, mercoledì il presidente UEFA ha insistito sulle sue minacce. Sono atti che vanno contro la libera concorrenza nell’Unione europea, e questo è qualcosa di molto grave».

NO CONTRO CAMPIONATI – «È che né una cosa né l’altra sono vere, ma tutto è stato manipolato. Non è né un piano esclusivo né contro i campionati. Il progetto Superliga è il migliore possibile, ed è stato fatto per aiutare il calcio a uscire dalla crisi. Il calcio è gravemente ferito perché la sua economia sta affondando e dobbiamo adattarci ai tempi in cui viviamo. La Superliga non va contro i campionati nazionali e punta a far fluire più soldi per tutto il calcio. Si è pensato di dare più interesse alle parti. E penso che la nuova riforma UEFA non risolva neanche il problema perché quello che è stato presentato non è nemmeno migliore di quello che c’è. Inoltre, non possiamo aspettare fino al 2024. Ma comunque, abbiamo fatto qualcosa di sbagliato. Facciamo un giro e confrontiamo le idee. Forse far giocare i primi quattro di ogni paese è la soluzione. Non lo so, ma qualcosa deve essere fatto perché i giovani, tra i 14 ei 24 anni, abbandonano il calcio perché li annoia di fronte ad altri divertimenti che preferiscono. Ci sono quattro miliardi di tifosi di calcio sparsi in tutto il mondo e la metà di loro sono fan dei club della Super League. Il calcio è l’unico sport mondiale».

CLUB IN CRISI – «Passiamo ai dati: il rapporto di consulenza KPMG, solo nei tre mesi di pandemia che ha colpito la scorsa stagione, mostrava perdite dei dodici club della Superliga per 650 milioni di euro. Quest’anno, con la piena stagione della pandemia, le perdite andranno tra i 2.000 ei 2.500 milioni di euro. Il Bordeaux sono appena falliti. O facciamo qualcosa presto o molti club falliranno»

PARTITA POCO INTERESSANTI – «La realtà è che se ci sono partite più interessanti e competitive, più soldi andranno al calcio. E questo sarà per tutti, non solo per pochi, perché i campionati nazionali varranno molto di più. E abbiamo anche importi importanti per la solidarietà, che è un pilastro molto importante del progetto. La chiave è riconquistare l’interesse dei tifosi, in quanto ci sono più partite tra Messi e Cristiano. Quelli di adesso e quelli che verranno dopo. Madrid-Barça ha fermato il mondo. Ebbene, tutto il denaro che questo genera influisce su tutti i campionati e su tutti i club». 

CONTRATTO VINCOLANTE – «Non ho intenzione di spiegare cosa sia un contratto vincolante ora. Ma andiamo, i club non possono uscire. Alcuni, sotto pressione, hanno dovuto dire che se ne stanno andando. Ma questo progetto o un altro molto simile andrà avanti, e spero presto».

TEMPISTICHE – «Bisogna cominciare il più velocemente possibile, ma prima devi spiegare il progetto a persone in buona fede, che sono state manipolate da chi non aveva altro obiettivo che difendere i propri privilegi. Forse pensano che questo andrà bene per loro, ma si sbagliano». 

CEFERIN – «Il presidente della UEFA ha avuto un comportamento molto malsano, soprattutto dopo la presidenza di un’istituzione che difende il calcio e i suoi valori. Tutto quello che è successo è stato deplorevole, con insulti e minacce. Siamo rimasti sorpresi dalla loro violenza. Tutte le idee che sto sviluppando in questa intervista le posso spiegare personalmente».