Spadafora: «Impossibile definire una data certa per la ripresa»

spadafora
© foto www.imagephotoagency.it

Il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha parlato alla Camera facendo il punto della situazione sulla ripresa del calcio

Arrivano nuove dichiarazioni del Ministro dello Sport. Vincenzo Spadafora ha parlato alla Camera, facendo il punto della situazione sulla ripresa del campionato e della stagione.

RIPRESA – «Auspichiamo la ripresa dei campionati, ma ad oggi impossibile definire una data certa. Fin dall’inizio dell’emergenza ho mantenuto un rapporto quotidiano con le Federazioni. Anche lo sport, purtroppo, s’è dovuto fermare, basti pensare alle Olimpiadi o agli Internazionali di Roma. Dobbiamo continuare a tutelare la salute: dal 4 maggio sono ripresi gli allenamenti individuali in base a un protocollo validato dal comitato tecnico-scientifico, dal 18 maggio riprenderanno gli allenamenti collettivi».

PROTOCOLLO – «Per il calcio, la FIGC ha proposto un protocollo sul quale il comitato tecnico-scientifico ha ritenuto dover fare degli approfondimenti. L’audizione avverrà domani e speriamo possa servire per dare il via libera al protocollo visto che il calcio non permette né distanze di sicurezza, né l’utilizzo di dispositivi di protezione. Negli ultimi giorni anche le tifoserie organizzate hanno stigmatizzato la ripresa del campionato. Ricordo che in Europa le uniche date certe sono quelle dei Paesi che hanno deciso di bloccare i campionati. Anche l’Inghilterra che sembrava la più pronta, poco fa ha rinviato di una settimana la decisione di riprendere gli allenamenti. Ribadisco la mia linea, che è anche quella del governo: auspichiamo che i campionati possano riprendere presto, ma oggi è impossibile definire una data certa. Dobbiamo vedere come reagirà la curva dei contagi nelle prossime due settimane».