Sassuolo, parla Bucchi: «Cagliari forte, ma dobbiamo fare punti»

bucchi sassuolo
© foto www.imagephotoagency.it

La vigilia di Cagliari-Sassuolo per Cristian Bucchi è animata da un solo pensiero: fare punti e muovere una classifica deficitaria. Le parole del tecnico neroverde

Un punto in casa contro un Genoa non entusiasmante, poi tre sconfitte di fila al cospetto di avversari più quotati. Il primo scorcio di campionato non sorride al Sassuolo, che dopo aver salutato Di Francesco – e diversi giocatori di spessore – ha accolto il nuovo tecnico Cristian Bucchi e ora si trova a dover rincorrere posizioni più tranquille. Alla vigilia del turno infrasettimanale che vedrà i neroverdi di scena alla Sardegna Arena, l’allenatore della squadra emiliana ha parlato in conferenza stampa indicando la rotta ai suoi. Queste le sue parole riportate da CanaleSassuolo.it: «Il Cagliari è una squadra molto quadrata. Sa difendersi molto bene e fa molta densità. Ha delle ripartenze velocissime, Sau e Pavoletti su tutti. Joao Pedro, Ionita, Barella sono grandi giocatori con un ottima gamba e di grande ripartenza. Il Cagliari vale molto. È una squadra solida e può mettere in difficoltà chiunque. Affrontiamo una squadra sicuramente forte. Loro hanno grandi qualità, soprattutto davanti grazie a giocatori abili e veloci. Sono in un buon momento dopo l’ottima vittoria fuori casa contro la SPAL. Noi dobbiamo fare un’ottima partita e prestazione. È obbligatorio portar via punti. Come ho detto domenica, domani inizia il nostro campionato».

A VISO APERTO – Mister Bucchi ha anche certificato l’assenza dell’attaccante più atteso alla vigilia del campionato, Berardi: «Sull’aereo non sale. Oggi, però, lo ho visto correre. La speranza è quella che possa tornare a disposizione per la gara di domenica contro il Bologna. Dipenderà da lui. Ieri ha tolto i punti. Il fatto che abbia ripreso a fare attività è un bene. Dobbiamo vedere come reggerà il dolore e se per domenica porta essere convocabile». Infine le direttive per affrontare al meglio la sfida di domani sera: «Voglio che la mia squadra se la giochi a viso aperto, con le nostre qualità, contro tutti. Noi non possiamo fare a meno di tanti aspetti che sono quelli che voglio vedere in campo. Mi aspetto sacrificio, collaborazione anche da parte degli attaccanti e coraggio dei difensori».

Articolo precedente
pavoletti cagliariCagliari-Sassuolo, sfida ricca di ex: l’ultimo è Pavoletti
Prossimo articolo
Cagliari-Sassuolo, neroverdi mai vittoriosi in Sardegna