Ranieri, Pellegrini e non solo: Roma-Cagliari, quanti incroci

© foto www.imagephotoagency.it

Verso Roma-Cagliari, quanti incroci: da Ranieri a Luca Pellegrini, passando per gli osservati speciali Barella e Cragno

Domani alle 18 il Cagliari sarà ospite della Roma in una partita che ai fini della classifica pesa più per i giallorossi che per i rossoblù. La squadra di Maran, decima, ha blindato la salvezza e cercherà di mantenere il posto nella parte sinistra della classifica. Dall’altra parte la Roma tenterà di riprendere slancio per il rush finale: l’obiettivo è quello di chiudere al quarto posto per assicurarsi la partecipazione alla prossima edizione della Champions League. Occhi su classifica ed avversarie, ma non solo. Domani ci saranno alcuni incroci degni di nota: da Ranieri a Luca Pellegrini, passando per Barella e Cragno.

ROMA-CAGLIARI, DIRETTA TV E STREAMING: DOVE VEDERLA

RANIERI, CUORE A METÀ – Il tecnico giallorosso, notoriamente tifoso romanista, conserva gelosamente i ricordi di Cagliari. Proprio nell’isola Ranieri – cresciuto calcisticamente nella Roma – spiccò il volo da allenatore in massima serie: nel biennio 1988/91 il tecnico di Testaccio condusse i rossoblù dalla Serie C alla A. Poi tante avventure e tante panchine di big italiane ed estere, sino alla vittoria della Premier League alla guida del Leicester nel 2015/16. Sono passati vent’anni dagli inizi della sua carriera, ma il tecnico ha sempre mostrato grande affetto per Cagliari e per quel doppio salto, arrivando a paragonare l’emozione di quell’impresa alla vittoria di Leicester. L’ultimo attestato d’affetto una settimana fa: «Ho tutte le ex squadre in mente, ma nel cuore ho il Cagliari e la Roma».

PELLEGRINI – Quando Luca Pellegrini veniva al mondo, Claudio Ranieri aveva già accumulato abbastanza esperienza da venir chiamato in Spagna. Nel 1999 era appena approdato all’Atletico Madrid. Nonostante la differenza d’età, i due in comune hanno la Roma ed il Cagliari. Il terzino sinistro classe ’99 è cresciuto nel vivaio giallorosso e nella capitale ha esordito in Serie A e Champions League. Oggi è in prestito al Cagliari e domani incrocerà la Roma – proprietaria del suo cartellino – da avversario per la prima volta. Non c’è dubbio che per lui sarà una partita speciale, ma cercherà di tener fede a quanto detto nei primi giorni da rossoblù: «Sono un giocatore del Cagliari, non mi sento di passaggio. Fino a quando sarò qui darò il 100% per questa squadra, per questa città e questa isola».

CRAGNO E BARELLA – Non sono doppi ex ma saranno comunque gli osservati speciali della partita. Colonne portanti della propria squadra, giovani e talentuosi: basta ed avanza per avere su di sè gli occhi delle big. E tra queste c’è la Roma, che già dai tempi di Sabatini aveva posato gli occhi sul centrocampista classe ’97. L’interesse per Cragno è aumentato nel tempo, soprattutto dopo la delusione del dopo Alisson: Olsen non ha garantito un rendimento adeguato e Mirante, l’attuale titolare, è una soluzione temporanea. Da qui la necessità di trovare un portiere pronto ma giovane su cui puntare per il presente ed il futuro ed il classe ’94 di Fiesole è in cima alla lista dei papabili.