Roma-Cagliari 1-1, le pagelle: flop Nainggolan, Joao Pedro-gol

joao pedro cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Roma-Cagliari 1-1: le valutazioni ai protagonisti del match valido per la settima giornata di Serie A 2019/20

Il Cagliari esce con un punto prezioso dall’Olimpico di Roma. Avanti grazie a Joao Pedro, abile a battere Pau Lopez su calcio di rigore, ii rossoblu si sono fatti rimontare pochi minuti dopo. A regalare il gol del pareggio ai capitolini una sfortunata autorete di Ceppitelli. Nella ripresa la Roma ha aumentato i giri del motore e sfiorato più volte la rete, con il Cagliari quasi rassegnato a proteggere l’area e tentare la ripartenza quando possibile. Nel finale i giallorossi hanno trovato il gol con Kalinic, annullato per un fallo del croato su Pisacane. Di seguito le pagelle del match.

CRONACA E TABELLINO DI ROMA-CAGLIARI

I voti di Roma-Cagliari

ROMA (4-2-3-1): Pau Lopez 6; Spinazzola 6 (dall’80’ Santon 6), Mancini 6, Smalling 6.5, Kolarov 6.5; Cristante 6, Diawara 6 (dal 30′ Antonucci 6; dal 74′ Kalinic sv); Zaniolo 6.5, Veretout 6, Kluivert 6.5; Dzeko 6.
Allenatore: Fonseca 6

CAGLIARI (4-3-1-2): Olsen 7; Cacciatore 6, Pisacane 6.5, Ceppitelli 6, Pellegrini 5.5 (dall’81’ Mattiello sv); Nandez 6.5, Cigarini 6, Rog 5.5; Nainggolan 5 (dal 74′ Ionita sv); Joao Pedro 6, Simeone 5 (dal 59′ Castro 6).
Allenatore: Maran 5.5

CAGLIARINEWS24 È ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

Roma-Cagliari, le pagelle motivate dei rossoblu

OLSEN 7: Chiamato in causa in avvio di gara, risponde presente sulle conclusioni di Zaniolo e Diawara. Non sempre tecnicamente pulito, ma efficace. Non può nulla sul tocco di Ceppitelli. Nel finale è decisivo ancora su Zaniolo, salvando il risultato. L’uscita al 90′ in occasione della rete di Kalinic lascia più di una perplessità.

CACCIATORE 6: Ha di fronte due clienti difficili come Zaniolo e Kluivert, preferisce evitare di lasciarsi spazio alle spalle trascurando la fase offensiva. Bene nelle chiusure, macchinoso nell’impostazione.

CEPPITELLI 6: Regge bene i duelli con Dzeko, sfortunato in occasione dell’autorete a pochi minuti dal vantaggio rossoblu.

PISACANE 6.5: Come il compagno di reparto, chiude bene le offensive della Roma, senza sbavature rilevanti. Nel finale, insieme ai compagni di reparto, deve fare gli straordinari sugli attacchi giallorossi. Nel finale esce per infortunio lasciando i suoi in dieci.

PELLEGRINI 5.5: Deve arginare le sgroppate dell’amico Kluivert, che a tratti diventa imprendibile: accompagna meno l’azione rispetto ai suoi standard, ma si mette in evidenza per alcune diagonali importanti. Cala nella ripresa, quando la Roma aumenta i giri e spinge tanto sugli esterni.
(Dall’80’ MATTIELLO sv: esordio in rossoblu non semplice per il classe ’95, che risponde presente in fase difensiva e cerca anche di oltrepassare la metà campo).

NANDEZ 6.5: Ancora una volta tra i migliori dei suoi. Cerca di spingere sulla destra nelle poche occasioni in cui i rossoblu possono portar palla e far male a Pau Lopez.

CIGARINI 6: Detta i tempi della manovra del Cagliari e fa da frangiflutti quando la Roma attacca pervie centrali. Ingenuo in occasione dell’ammonizione in avvio di gara.

ROG 5.5: Incide poco e nulla, la gara impostata dal Cagliari non mette in evidenza le sue caratteristiche. Nella ripresa sale leggermente di rendimento, senza però riuscire a fare la differenza.

NAINGGOLAN 5: Schierato dietro le punte, il compito non è dei più semplici per il belga: difficile fare la differenza in fase di possesso, considerato che il Cagliari gioca di rimessa. In non possesso si abbassa sulla mediana portando a 4 le unità del centrocampo. In una gara in cui i rossoblu hanno poche occasioni di pungere, risulta spesso evanescente ed inopportuno nella scelta delle giocate.
(Dal 74′ IONITA sv: entra per uno spento Nainggolan. Dopo il suo ingresso Rog avanza dietro Joao Pedro. Pochi i palloni giocati dal moldavo).

JOAO PEDRO 6: Lotta per preservare i pochi palloni che arrivano dalle sue parti e si assicura qualche calcio di punizione che fa rifiatare la squadra. Freddo in occasione del rigore trasformato, che ha regalato al Cagliari il gol del momentaneo vantaggio. Nella ripresa fa la prima punta ma i rifornimenti scarseggiano.

SIMEONE 5: Fa a sportellate con Mancini e Smalling, tocca pochissimi palloni. Prova a far salire la squadra nelle poche occasioni in cui riceve la sfera. Nel primo tempo ha l’occasione per far male, ma Spinazzola è decisivo nel deviare la sua conclusione da ottima posizione.
Dal 59′ CASTRO 6: prova sin da subito a dare quella fantasia che è mancata al Cagliari. Si posiziona, insieme a Nainggolan prima e Rog poi, alle spalle di Joao Pedro. In fase di non possesso va ad affiancare Cigarini in mezzo al campo.

MARAN 5.5: Sceglie Nainggolan come trequartista dal 1′, ma il tipo di partita impostata non permette al belga di esaltare le proprie caratteristiche. Il suo Cagliari lascia giocare la Roma per poi tentare di ripartire in verticale, ma manca il collante tra centrocampo ed attacco. Ha preparato il match sulla falsariga della trasferta di Napoli, ma contro una Roma falcidiata dagli infortuni e meno rodata degli azzurri avrebbe potuto osare qualcosa di più. E se i giallorossi, soprattutto Dzeko, fossero stati in giornata migliore, sarebbe uscito dall’Olimpico con una sconfitta.