Rastelli, al via la terza stagione consecutiva sulla panchina del Cagliari

rastelli cagliari
© foto www.cagliarinews24.com

Massimo Rastelli allaccia le cinture sulla panchina del Cagliari, al via la terza stagione con la medesima guida tecnica: una continuità che ha pochi e illustri precedenti

Come ampiamente preventivabile, la decisione del Cagliari Calcio e di Massimo Rastelli di andare ancora avanti insieme ha evidenziato la divisione della piazza rossoblù fra chi ritiene naturale continuare con l’allenatore che ha centrato promozione e salvezza e chi invece non ha mai trovato un feeling con la gestione delle ultime due stagioni. L’accordo sottoscritto ieri da tecnico e club significa per Rastelli iniziare la terza stagione consecutiva alla guida della squadra isolana, una continuità di guida tecnica che non è la norma nel calcio italiano e ancor meno all’ombra di Carlo Felice. Tralasciando i nomi di quasi un secolo fa, in uno sport che era ancora lontano dal somigliare a quello attuale, da quando il Cagliari ha conosciuto la Serie A è appena la quinta volta che il timoniere di turno riesce a reggere la rotta per tre anni (teoricamente il rinnovo di ieri arriva fino al 2019, ma come noto gli allenatori sono abituati a vivere giorno per giorno).

I PRECEDENTI – Il primo a resistere tanto fu proprio il tecnico che conquistò la massima serie per la prima volta nella storia del club, ossia quell’Arturo Silvestri che nel 1966 cedette il posto a Manlio Scopigno. Inutile dire che il Filosofo fu capace dell’impossibile vincendo lo Scudetto, anche se dopo una prima stagione cagliaritana dovette aspettare un anno per tornare sulla panchina al posto di Puricelli e inanellare la serie giusta. Il terzo in ordine di tempo arrivò Mario Tiddia, ancora una volta una promozione nel novero dei risultati e poi un ottavo e addirittura un sesto posto in A per Cincinnato che poteva contare sul bomber sardo Gigi Piras. Le promozioni sono addirittura due di fila per l’ultimo tecnico capace di guidare i rossoblù per tre stagioni di fila: siamo a fine anni ’80 e un giovane Claudio Ranieri centrava il doppio salto dalla C alla A con una banda di ragazzi terribili, successi suggellati poi dalla salvezza in rimonta del 90/91 immortalata dalla classe di campioni come Enzo Francescoli. Oggi, un quarto di secolo dopo l’ultima volta che il Cagliari aveva trovato tanta continuità, la triplice avventura di Rastelli.

Articolo precedente
I pagelloni del Cagliari 2016/17: Ionita
Prossimo articolo
I pagelloni del Cagliari 2016/17: Barella