Connettiti con noi

News

Per il Cagliari è giunto il momento di invertire la rotta

Pubblicato

su

Dopo la salvezza conquistata in rimonta l’anno passato, alla vigilia di questa stagione in casa Cagliari regnava un cauto ottimismo.

Il ritorno a pieno regime di Pavoletti, in uno con le conferme dei giocatori maggiormente rappresentativi, aveva fatto ben sperare i tifosi che invece si ritrovano nuovamente a vivere un incubo senza fine.

I sardi sono ultimi in solitaria

Sono sei i punti conquistati dai cagliaritani nelle prime 12 partite disputate in campionato. Una media di 0,5 punti a partita che non fa presagire nulla di buono e che racconta meglio di mille parole il momento difficile che sta attraversando il Casteddu. Neanche l’esonero di Semplici e l’arrivo di un allenatore esperto come Walter Mazzarri è bastato per invertire la rotta e nelle ultime cinque gare disputate i rossoblu sono riusciti a portarsi a casa solo tre punti, con quattro sconfitte consecutive che hanno lanciato nello sconforto i tifosi rossoblu. Eppure rispetto alle dirette rivali nella lotta per non retrocedere quella del Cagliari pare essere una rosa più ricca di talento e meglio strutturata, sia in termini meramente tecnici che in termini di profondità della rosa tanto che dando un’occhiata alle scommesse online ai sardi sono ancora riconosciute buone chance di salvezza. I problemi sembrano essere principalmente di natura mentale e, come tutti gli appassionati di calcio sicuramente sapranno, intervenire sull’atteggiamento della squadra è il compito più difficile cui è chiamato ogni allenatore, partendo dalle categorie inferiori sino ad arrivare alla Serie A. Per fortuna dei rossoblu la zona salvezza dista solo quattro punti, ma da qui in poi Joao Pedro e compagni non potranno più permettersi passi falsi.

La situazione in zona retrocessione

Come di consueto, alla vigilia di questo campionato di Serie A le neo promosse erano state indicate come le principali candidate per il ritorno immediato in cadetteria. Anche questa volta, però, le sorprese non sono mancate e la nuova arrivata Empoli è stata una delle più belle rivelazioni di questo inizio di stagione. I toscani sono a ridosso della zona Europa, hanno dimostrato di avere una rosa giovane ma di grande talento e, soprattutto, stanno iniziando a trovare una continuità di risultati invidiabile. Anche Venezia e Salernitana hanno reso al di sopra delle aspettative, ma a differenza del club empolese sono lì in zona retrocessione anche se hanno lasciato intendere di potersela giocare fino alla fine. Le sorprese in negativo, oltre al Cagliari, sono invece le due genovesi che seppur con percorsi diversi stanno entrambe rendendo al di sotto di quanto tutti avrebbero immaginato. In casa Genoa la nuova proprietà ha deciso che è giunto il momento di cambiare la guida tecnica e il nuovo allenatore sarà l’ex Milan Andriy Shevchenko. In casa Sampdoria, invece, si insiste con mister D’Aversa che però è già sul banco degli imputati.

Il Cagliari ha a propria disposizione tutte le qualità per invertire immediatamente la rotta e navigare verso una salvezza tranquilla. Non sarà facile, ma Pavoletti e compagni da qui in poi saranno chiamati all’ennesima impresa che anche questa volta sarebbe fondamentale per tutto il popolo sardo.