Pavoletti, un “toro” nell’Arena. E quando vede blucerchiato…

© foto www.imagephotoagency.it

Altra incornata vincente: il “toro” Pavoletti quando vede blucerchiato si carica. Gol numero quattro per l’attaccante del Cagliari, che alla Sardegna Arena si esalta

Quarto gol in campionato, quarto in carriera su quattro partite contro la Sampdoria. Se erroneamente si dice che il toro si carichi quando vede il rosso, non è sbagliato dire che Leonardo Pavoletti faccia altrettanto con il blucerchiato dei liguri. In comune hanno l’incornata, come quella imponente che ha permesso al Cagliari di completare la rimonta ieri alla Sardegna Arena. E come quelle che in precedenza gli avevano permesso di gonfiare la rete prima contro il Genoa e poi contro il Benevento. A completare il quadro il bel piatto al volo che ha trafitto l’interista Handanovic due settimane fa.

Lo aveva detto a poche ore dal match, lo ha confermato sul terreno di gioco: «Qui sono rinato, mi sento molto vicino al Pavoletti di Genova. Prima mancava la condizione, ora bisogna aggiustare la mira»Ed in effetti il numero 30 ci aveva provato in precedenza, trovando Viviano o una mira non eccellente a negargli la rete. Per la prima volta un suo gol non è nato da un cross di Faragò, anche se è arrivato ancora dalla destra, come in tutte le altre sue realizzazioni rossoblù. L’intesa con i compagni cresce di gara in gara: che il gioco si sviluppi per vie centrali o sulle fasce l’attaccante classe ’88 è presente, a fare da sponda o a sportellate per la squadra. I cross sono sempre più frequenti e le occasioni per la punta aumentano. Pavoletti è sempre più al centro del gioco del Cagliari, che a lui si affida per finalizzare l’azione.

Per ora le sue reti hanno portato quattro punti alla squadra ora in mano a Diego Lopez, che continua a lavorare per metterlo nelle condizioni migliori per segnare. Le ultime gare sono incoraggianti se paragonate alle prime uscite dell’attaccante, parso volenteroso ma inevitabilmente in ritardo di condizione e fuori dal contesto. Ora che il tecnico uruguaiano ha modellato la squadra per sfruttare appieno le sue caratteristiche, Pavoletti potrà trovare continuità anche di reti. La condizione c’è, la mira sembra si stia assestando. L’ennesimo gol in carriera contro la Samp combacia con quanto detto sul ritorno al giocatore dei tempi del Genoa, aspetto mentale – vedi derby – compreso. Con quello di ieri sono quattro i gol con la maglia del Cagliari, per un bottino che vede l’attaccante segnare, per ora, soltanto tra le mura amiche. Un’altra incornata vincente per il toro rossoblù che, è inevitabile, nell’Arena si esalta.

Articolo precedente
Viviano, e due: Cagliari non ti porta bene – VIDEO
Prossimo articolo
CagliariNews’ Award, Cragno rientra ed è subito decisivo