Palermo, Salerno ci crede: «Udinese e Cagliari partite chiave»

© foto www.cagliarinews24.com

Nicola Salerno indica la rotta al Palermo: fra avvicendamenti societari e una classifica che langue, le prossime due giornate possono ancora riportare i rosanero a ridosso dell’Empoli

Nonostante le ultime tre della classifica di Serie A tengano il peggior andamento mai registrato nel nostro campionato, i giochi per la salvezza a dieci giornate dalla fine possono ancora teoricamente essere messi in discussione. Il Palermo ad esempio guarda proprio all’ultima giornata di campionato, quando ospiterà al Barbera l’Empoli attualmente quartultimo. Nei prossimi due turni i toscani affronteranno Napoli e Roma, mentre i rosanero avranno un calendario sulla carta meno proibitivo: occasione, secondo il direttore sportivo Nicola Salerno, per avvicinare la squadra di Martusciello e preparare un ribaltone. Ai microfoni di LiveSicilia l’ex ds rossoblù ha indicato la rotta ai suoi: «Ci attendono due partite fondamentali, delle vere e proprie finali. Contro Udinese e Cagliari abbiamo l’obbligo di ottenere il massimo: con l’Empoli costretto a fare i conti con Napoli e Roma, abbiamo la ghiotta opportunità di tornare in corsa. Senza voler gufare nessuno, il Palermo deve provare a ottenere il massimo per rinviare ogni discorso allo scontro diretto coi toscani in programma all’ultima giornata. La nostra speranza è di riuscire a raggiungere, anche in extremis, un obiettivo che per i sacrifici della squadra e per il momento particolare vissuto dal club, rappresenterebbe una gioia immensa e un traguardo meritato».