Napoli-Cagliari 3-0, pagelle e tabellino

© foto CagliariNews24.com

Napoli-Cagliari, Serie A 2017/18: cronaca in diretta live con formazioni ufficiali, risultato, pagelle, tabellino e sintesi

Cagliari inerme, il Napoli banchetta nel lunch match domenicale. Apre Hamsik, chiude Koulibaly. In mezzo la rete su rigore di Mertens in una gara senza storia. Terza sconfitta di fila per i sardi. Alla ripresa del campionato ci sarà il Genoa alla Sardegna Arena.

Napoli-Cagliari 3-0, il tabellino

MARCATORI: 4′ Hamsik, 40′ Mertens (rig.), 47′ Koulibaly

NAPOLI (4-3-3): Reina 6; Hysaj 6, Albiol 6.5, Koulibaly 7, Ghoulam 6.5; Allan 6.5, Jorginho 6.5, Hamsik 6.5, Callejon 6.5, Mertens 7, Insigne 6.5. (Rog s.v., Ounas s.v., Mario Rui s.v.)
Allenatore: Sarri 7

CAGLIARI (4-3-1-2): Cragno 5.5; Padoin 5, Romagna 5.5, Andreolli 5, Capuano 5; Ionita 5.5, Cigarini 5, Barella 5; Joao Pedro; Sau 5.5, Pavoletti 5. (Dessena 5, Deiola 5.5, Farias 5.5)
Allenatore: Rastelli 5

ARBITRO: Abisso di Palermo

NOTE: 

IL MIGLIORE
Mertens 7:
Prima un assist geniale per Hasmik, poi il raddoppio su rigore. Fa letteralmente quello che vuole, mandando in crisi la difesa del Cagliari ogni volta che ha il pallone.

IL PEGGIORE
Capuano 5:
Tenere Callejon non è facile per nessuno. Gli inserimenti dello spagnolo lo mandano in crisi, così come il pressing a tutto campo del Napoli che lo costringono a sbagliare anche gli appoggi più semplici.

Napoli-Cagliari, diretta live e sintesi

SINTESI SECONDO TEMPO – Il gol al 2′ della ripresa chiude definitivamente una gara mai realmente aperta. Il resto del match è accademia del calcio da parte degli azzurri di Sarri, che legittimano il 3-0 alzando ed abbassando i ritmi a piacimento.

45′ – Abisso chiude senza recupero la contesa: terza sconfitta di fila per il Cagliari

42′ – Ultimo cambio nel Napoli: esce uno stremato Ghoulam per Mario Rui

37′ – Ci prova Farias, murato. Palla a Deiola, che decide per la conclusione di sinistro: pallone debole e bloccato agevolmente da Reina

35′ – Dieci minuti alla fine di una gara a senso unico fin dalle prime battute

33′ – Secondo cambio nel Napoli: dentro Ounas per Allan

27′ – Corner per il Napoli: cross di Ghoulam, deviazione di Capuano. Palla ancora al Napoli, che ricomincia da Reina

26′ – Cambio nel Napoli: esce Callejon per Rog

21′ – Il Cagliari adesso si affida al duo brasiliano Farias-Joao Pedro, supportato da Ionita. Attacco leggerissimo quello dei sardi

21′ – Ultimo cambio nel Cagliari: esce Pavoletti, entra Farias

20′ – L’x difensore della Juventus si ripete con un’altra bella chiusura: dimostra attenzione nonostante il battesimo di fuoco dal 1′

18′ – Altra chiusura provvidenziale di Romagna, che intercetta il passaggio in area di Allan per Callejon

17′ – Si rivede il Cagliari: Pavoletti lanciato da Barella, Koulibaly mette in corner. Nulla di fatto dal cross dalla bandierina, il Cagliari prova ad alzare il baricentro

14′ – Mertens imprendibile, calcia ma Romagna chiude in angolo

13′ – Il Cagliari dopo il terzo gol del Napoli è definitivamente uscito dai radar. In campo, adesso, c’è davvero soltanto il Napoli

11′ – Secondo cambio nel Cagliari: Rastelli sostituisce Cigarini con Deiola. Ancora una sostituzione inedita e poco naturale da parte del tecnico isolano

10′ – Gran giocata di Callejon, che salta Capuano e calcia a botta sicura: Cragno è miracoloso e alza in angolo

5′ – Ionita si sposta dietro Pavoletti e Joao Pedro, si torna al 4-3-1-2

5′ – Lancio di Koulibaly per Insigne, l’esterno non riesce a mandare in rete

2′ – TRIS NAPOLI: dormita della difesa sarda, Koulibaly riceve in area e batte Cragno

1′ – Subito napoli in avanti: punizione dalla trequarti per i padroni di casa

1′ – Inizia la ripresa: palla al Cagliari

SINTESI PRIMO TEMPO – Domino assoluto del Napoli, che chiude il primo tempo sul 2-0 capitalizzando le occasioni migliori: il gol in apertura porta la firma di Hamsik, quella in chiusura di tempo è griffato Mertens, abile a guadagnarsi e trasformare un penalty.

47′ – Finisce qui il primo tempo di Napoli-Cagliari, squadre negli spogliatoi

45′ – Saranno due minuti di recupero

40′ – RADDOPPIO DEL NAPOLI: dagli 11 metri Dries Mertens non sbaglia. Spiazza Cragno e regala il doppio vantaggio ai suoi

39′ – Intervento in ritardo di Romagna, che tocca ingenuamente Mertens. Abisso non ha dubbi e decreta un calcio di rigore per il Napoli

35′ – Cagliari in campo con il 4-4-1-1: Joao Pedro a supporto dell’unica punta Pavoletti

33′ – Problemi fisici per Sau, che esce: già pronto Dessena. Un cambio poco naturale, Rastelli tiene in panchina Farias

32′ – Crossa lo stesso Callejon, Joao Pedro allontana ma il Napoli resta in attacco

31′ – Ancora il Napoli a sinistra: Callejon va al tiro cross sul primo palo ma Cragno è attento e manda in angolo

30′ – Accelera ancora sulla sinistra il Napoli: Andreolli anticipa in corner rischiando l’autogol

26′ – Disimpegno errato di Capuano, che serve Hamsik al limite dell’area: il tiro di prima intenzione dello slovacco è fuori misura

25′ – Gran lavoro di Mertens, che sterza e mette il cross per Insigne: il colpo di testa a botta sicura dell’esterno azzurro finisce a lato. Ma quando il Napoli si accende fa paura

21′ – Nessun raccordo tra centrocampo ed attacco, Joao Pedro fatica a trovare una posizione in campo. Si susseguono i lanci lunghi di Cragno per superare il primo pressing azzurro

20′ – Insigne cerca il classico cross sul secondo palo per Callejon, Andreolli fa buona guardia

16′ – Il Napoli ora sembra totalmente in controllo della gara: abbassa ed alza i ritmi a piacimento senza che i rossoblù riescano a contrastarlo

12′ – I sardi provano a disturbare la costruzione della manovra partenopea fin dalla difesa

10′ – Barella trova Pavoletti in area, l’ex non riesce a direzionare la sfera in acrobazia

9′ – Il Cagliari tenta di tenere il baricentro alto

8′ – Prova a spingersi in avanti il Cagliari: Sau guadagna un corner. Dal cross nessun pericolo alla pota di Reina

4′ – VANTAGGIO NAPOLI: scambio nello stretto tra Mertens ed Hamsik, il capitano manda avanti i suoi a tu per tu con Cragno

3′ – Ionita lancia in avanti, la difesa sbaglia il fuorigioco e Pavoletti tenta di battere Reina commettendo però fallo sul portiere

2′ – Prova subito l’affondo il Napoli, Barella ruba palla nella propria trequarti e scappa sulla sinistra guadagnando circa 40 metri. Punizione per i rossoblù

1′ – Subito padroni di casa in avanti, Insigne non arriva su un cross dalla destra

Squadre in campo: il primo pallone sarà mosso dal Napoli

Sarri rilancia Allan dal 1′ in campionato e dà fiducia ad Albiol, in dubbio negli scorsi giorni per un fastidio alla schiena. In avanti il tridente dei piccoletti terribili con Callejon, Hamsik ed Insigne. Rastelli non snatura la squadra e ripropone il 4-3-1-2 di riferimento. Gli interpreti sono i migliori possibili, con l’innesto di Romagna al posto dello squalificato Pisacane. A centrocampo la cerniera di qualità e quantità Ionita-Cigarini-Barella; in attacco c’è Pavoletti, al suo fianco Sau.

Napoli-Cagliari, formazioni ufficiali

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik, Callejon, Mertens, Insigne.
A disposizione: Sepe, Rafael, Maksimovic, Chiriches, Mario Rui, Maggio, Giaccherini, Zielinski, Rog, Ounas, Diawara.
Allenatore: Sarri

CAGLIARI (4-3-1-2): Cragno; Padoin, Romagna, Andreolli, Capuano; Ionita, Cigarini, Barella; Joao Pedro; Sau, Pavoletti.
A disposizione: Crosta, Daga, Miangue, Molberg, Faragò, Dessena, Deiola, Giannetti, Farias.
Allenatore: Rastelli

Napoli-Cagliari, probabili formazioni e prepartita

Massimo Rastelli ha dovuto lasciare fuori dalla lista dei convocati parecchi elementi: dai lungodegenti Rafael e Melchiorri a van der Wiel, passando per gli acciaccati CeppitelliCossu e lo squalificato Pisacane. Ci saranno Pavoletti e Farias, recuperati in extremis e destinati – con tutta probabilità – a partire dalla panchina. Si va verso il 4-4-1-1 già visto saltuariamente in passato oltre Tirreno, modulo che consentirebbe alla squadra di mantenere compattezza e superiorità numerica a centrocampo. Nel cuore della difesa dovrebbe trovare posto Romagna, a centrocampo Barella e Cigarini saranno i mediani, con Faragò e Ionita che dovrebbero stazionare sulle fasce. In avanti Joao Pedro a supporto di Marco Sau. Dall’altra parte Sarri dovrebbe rilanciare in campionato Allan a centrocampo, mentre resta in dubbio Albiol, alle prese con un problema alla schiena. In avanti nessuna modifica al tridente che sta facendo sognare Napoli: Mertens prima punta, Insigne a sinistra e Callejon a destra.

CAGLIARI (4-4-1-1): Cragno; Padoin, Romagna, Andreolli, Capuano; Faragò, Cigarini, Ionita, Barella; Joao Pedro; Sau.

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik, Callejon, Mertens, Insigne.

Napoli-Cagliari, i precedenti del match

Quattro vittorie, dieci pareggi e ventuno sconfitte. I numeri del passato confermano il tasso di difficoltà della trasferta di Napoli per il Cagliari, ancor più in un periodo storico in cui i partenopei stanno cercando di colmare il gap con la Juventus e conquistare il tricolore. Quello in programma oggi sarà il trentaseiesimo Napoli-Cagliari di campionato della storia. Il primo incontro tra le due squadre risale alla stagione di Serie B 1963/64, fu un 2-1 partenopeo: il vantaggio isolano di Greatti fu reso vano dall’autorete di Mazzocchi e dalla rete di Bolzoni. La prima volta in Serie A è datata 1965/66, in quel match i sardi rimasero a secco tornando sull’isola con due reti al passivo: prima Bean e poi Altafini trasformarono due calci di rigore. Il primo successo in terra partenopea arrivò nella stagione 1969/70: la doppietta di Riva regalò il primo successo della storia rossoblù a Napoli e lanciò i sardi verso la conquista dello storico scudetto. Gli altri tre successi sono arrivati nei primi anni ’90 e l’ultimo nel 2007/08. Nel 1990/91 un autogol dell’azzurro Corradini spostò l’ago della bilancia dalla parte dei sardi di sardi di Ranieri; nel 1993/94 il 2-1 rossoblù fu firmato da due gol di Luis Oliveira, rete azzurra del poco amato ex Fonseca. L’ultima vittoria risale ad ormai dieci anni fa: alla prima giornata del campionato 2007/08 il Cagliari di Marco Giampaolo regolò un neo promosso Napoli con un secco 2-0 al San Paolo: in rete Matri e Foggia su rigore. In mezzo tante sconfitte, alcune anche larghe, e gare con parecchi gol: dal 3-1 dell’ultimo precedente al 6-3 del 2011/12 passando per il 3-3 in rimonta del Cagliari zemaniano.

Napoli-Cagliari, l’arbitro del match

Sarà il signor Rosario Abisso della sezione di Palermo a dirigere Napoli-Cagliari. Per i partenopei si tratta del primo incrocio in assoluto con l’arbitro siciliano, mentre il Cagliari ha un ruolino di sei precedenti con quattro vittorie, un pareggio e una sconfitta. Percorso quasi netto durante il campionato di Serie B di due anni fa, con le vittorie contro LancianoPescara e Modena; unico pareggio il 2-2 interno con il Livorno. Due gli episodi risalenti alla scorsa stagione, quando Abisso diresse la sconfitta dei rossoblù sul campo del Bologna e il successo contro il Milan nell’ultima partita ufficiale disputata allo stadio Sant’Elia: in quell’incontro, terminato col punteggio di due a uno, andarono a segno Joao Pedro, Lapadula e proprio allo scadere Pisacane.

Napoli-Cagliari streaming: dove vederla in tv

Napoli-Cagliari sarà trasmessa in diretta satellitare su Sky e in digitale terrestre su Mediaset Premium Sport. Sarà inoltre possibile vedere la gara in streaming da pc, smartphone e tablet su Premium Play, Premium Online, Sky Go, Serie A TIM TV, Now TV e tramite la web tv Sportube.

Articolo precedente
compleannoPavoletti affronta il suo passato: «Ora voglio fare bene per il Cagliari»
Prossimo articolo
cagliari-napoliNapoli-Cagliari, le pagelle: rossoblù non pervenuti