Cagliari, Maran: «Ci crediamo, vogliamo fermare la Juventus»

maran cagliari
© foto CagliariNews24.com

Vigilia di Juventus-Cagliari, la conferenza stampa di Rolando Maran: «Siamo carichi, possiamo mettere in difficoltà i bianconeri»

Va concludendosi la settimana di preparazione del Cagliari in vista della gara dell’Allianz Stadium contro la Juventus di domani sera. I rossoblù, reduci da tre risultati di fila positivi, sono attesi dalla capolista e detentrice degli ultimi sette scudetti: una sfida che oltre alle note insidie porta inevitabilmente in dote un carico di fascino. Nel primo pomeriggio il tecnico rossoblù Rolando Maran ha presentato la sfida ai media nel Business Center dell’Aeroporto di Elmas.

CAGLIARI, I CONVOCATI PER LA TRASFERTA DI TORINO

Juventus-Cagliari, la vigilia di Maran

Inizia, con qualche minuto di ritardo, la conferenza stampa di Maran: «Abbiamo preparato la partita con la giusta carica. Serve la prestazione perfetta e rendere meno perfetta quella altrui. Per sperare in un risultato positivo dobbiamo puntare alla prestazione. Abbiamo voglia di fermare la Juventus, la nostra gente ci crede e ci stimola. Dobbiamo portare questa cosa in campo con ferocia e sfacciataggine. Devi interpretare queste gare con coraggio, altrimenti diventano troppo difficili. Serve sacrificio e un animo forte da parte di tutti per superare un avversario tanto difficile».

LA JUVE – «La Juventus può anche sembrare in difficoltà ma è sempre in controllo della gara. Li troviamo dopo una settimana tipo, sappiamo che solo la massima prestazione può aprire la strada verso un’impresa. La Juventus la incontriamo in una delle poche settimane in cui ha potuto lavorare senza Champions o altro, questo aumenta le nostre difficoltà ma noi guardiamo solo a noi stessi. I bianconeri hanno la difesa della nazionale da anni, ma non vuol dire che non si possano mettere in difficoltà. Devi saper interpretare i momenti della partita, ci sarà da soffrire ma anche da far soffrire loro. CR7 è difficile da limitare, lo dimostrano i suoi numeri nel corso degli anni. Lavorare di squadra e saper sempre accorciare sono aspetti per noi imprescindibili, al di là di Ronaldo. Dobbiamo provarci con le nostre caratteristiche e non concedere gli spazi che sarebbe poi difficile controllare».»

MENTALITA’ – «Noi dobbiamo cercare di arrivare là davanti con convinzione. Il Cagliari deve essere il Cagliari. Sacrificio, consapevolezza dei propri mezzi e quando avremo palla dovremo essere noi a mettere l’avversario in difficoltà. Domani faremo una rifinitura, mi porto fino alla fine la possibilità di scegliere perché il gruppo se lo merita. Tutti si stanno mettendo in evidenza, devo considerare tante cose. Bisognerà correre con intelligenza, abbiamo un positivo spirito di sacrificio ma andrà accompagnato alla concentrazione. Se pensiamo già alla Spal? Assolutamente no. Pensiamo e crediamo al risultato positivo a Torino. La nostra gente ci spinge, sentiamo questa fiducia e le difficoltà ci devono solo animare ancora di più. Rigoristi? Li scelgo di volta in volta, domani vedremo con la rifinitura».

Dichiarazioni raccolte dal nostro inviato ad Elmas Sergio Cadeddu

Articolo precedente
allegri juventusJuve-Cagliari, Allegri: «Vogliamo tornare a vincere in casa»
Prossimo articolo
maran cagliariJuventus-Cagliari, i convocati di Maran