Maran dopo il rinnovo: «Ci sono i presupposti per fare bene»

maran cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Nel pomeriggio il Cagliari Calcio ha comunicato il rinnovo sino al 2022 di Maran. Dopo la firma, il tecnico trentino ha parlato della stagione che va concludendosi e del futuro prossimo

Nel pomeriggio il Cagliari Calcio ha reso noto il rinnovo del legame con Rolando Maran. Il tecnico trentino, arrivato alla guida dei rossoblù la scorsa estate, ha prolungato sino al 2022. Dopo la firma, lo stesso Maran ha parlato ai canali ufficiali della società: «Questo rinnovo mi riempie di gioia e di orgoglio, il fatto che arrivi dopo un anno di lavoro e di conoscenza significa tanto: vuol dire che il lavoro è stato riconosciuto ed apprezzato dalla società e dal presidente in primis. E’ una grande gioia ed una spinta: essere l’allenatore del Cagliari è una responsabilità nei confronti della società, del presidente, dei tifosi e della città: la sento dentro, dovrò dare tutto me stesso e di più per dare soddisfazioni a questi colori».

CAGLIARI, CORSA AL DECIMO POSTO: CALENDARI A CONFRONTO

CAGLIARI, MARAN RINNOVA – Uno sguardo indietro, alla stagione ormai agli sgoccioli, ed uno in avanti: «Dopo un anno qui mi rendo conto di cosa significhi essere l’allenatore del Cagliari. Ho trovato grandissima professionalità, molta ambizione e voglia di crescere, persone che mi hanno messo nella condizione di lavorare bene. Ho trovato grande calore da parte della gente, grande vicinanza e sostegno nel corso dell’anno. Sono tutti presupposti per fare bene la prossima stagione. Ho imparato che vivere a contatto con la città agevola le cose, ho avuto la fortuna di essere subito sostenuto e di poter instaurare dei rapporti bellissimi con la città: Cagliari per me è perfetta, avrò la possibilità di ampliare la mia conoscenza con la città e con tutti i sardi. Il presidente mi ha dimostrato fiducia e stima in un momento della stagione che era importante, devo ringraziare i miei collaboratori e la squadra, che mi hanno permesso di lavorare al meglio. E tutti coloro che danno un contributo anche se magari sono dietro le quinte. E ringrazio la città intera, che nella scelta di Cagliari ha influito molto».