Cagliari, Lopez: «Contro la Lazio senza paura. Difesa a 3? È presto»

© foto CagliariNews24.com

La conferenza stampa di Diego Lopez alla vigilia della difficile trasferta in casa della Lazio

Prima di fuoco per Diego Lopez sulla panchina del Cagliari. Il tecnico uruguaiano aprirà la sua seconda esperienza alla guida dei sardi in casa di quella che forse, al momento, è la squadra più in forma del campionato. La Lazio, quarta in classifica, viaggia alla velocità della Juventus campione in carica (battuta a domicilio la scorsa settimana) e non vuole certo fermarsi. Il Cagliari intende riprendere il cammino interrotto oltre un mese fa e fermare l’emorragia di risultati evitando la quinta sconfitta consecutiva.

Clicca qui per aggiornare la pagina.

Inizia, notevolmente in ritardo, la conferenza di Diego Lopez: «La formazione ce l’ho nella mia testa. Preferisco darla ai ragazzi. Ho un altro allenamento domani, poi vedremo. Domani a prescindere del modulo dobbiamo tenere conto che ci sono altre due partite ravvicinate. Noi dobbiamo pensare che il nostro obiettivo è la salvezza. Dobbiamo fare 34-35-36 punti per raggiungere il nostro obiettivo. Ho detto questo ai ragazzi, a prescindere da chi troviamo davanti. Dobbiamo stare stretti e compatti. Voglio aggressività quando abbiamo e non abbiamo la palla, la velocità del pallone fa la differenza».

MODULO E FORMAZIONE – «La cosa importante, oltre al modulo, è l’atteggiamento. La difesa 3? Sì, è una squadra che ha centrali e le caratteristiche per farlo. Ma va provata, non è una cosa che puoi fare subito così. I terzini? Un po’ tutti possono farlo. Padoin anche se alla Juve giocava più avanti. Van der Wiel non è il giocatore visto contro il Genoa. Dessena può farlo. L’unico di ruolo è Gregory ma deve migliorare fisicamente. Le mie scelte di domani saranno condizionate dalle partite ravvicinati che sono importanti. Oggi non penso al Benevento, penso alla Lazio. È una gara importante, dobbiamo giocarla. Loro sono forti, ma anche noi siamo forti. Loro di più, ma noi dobbiamo andare lì come squadra e poi vedremo se sono più forti di noi. È importante per noi stessi, dimostrare che possiamo andare lì a fare la partita. Il trequartista? A me piace molto, ma con caratteristiche diverse. Ionita potrebbe fare quel ruolo. Se hai un metodista molto bravo, con i suoi inserimenti può creare tanti problemi. È il ruolo di Joao Pedro, più forte tecnicamente. Cossu è più fantasista, è più grande, ma negli ultimi 20’ può dare tanto. Non è il ruolo di Barella, ma può darci una mano anche lui in quella posizione. Dipende dalle caratteristiche, a me piace cambiare».

LA LAZIO – «La Lazio la conosco io, la conoscono loro e la conoscono un po’ tutti. Noi se prendiamo fiducia possiamo fare cose importanti. A Roma affrontiamo una squadra in salute, ma dobbiamo guardare con coraggio la porta davanti, provare a fare male anche noi, questo è molto importante. Io mi aspetto una squadra con coraggio. Domani contro la Lazio dobbiamo essere pronti a ripartire e fare male. Se andiamo a difenderci in undici prima o poi il gol lo prendiamo, dobbiamo provare a giocarcela. Il potenziale secondo me è buono, ma va dimostrato sul campo».
SETTIMANA TRIBOLATA – «I ragazzi hanno continuato ad allenarsi intensamente. Dispiace a loro il cambio di allenatore e dispiace anche a me, ma il nostro mestiere è questo: paga l’allenatore. È andato via un buon allenatore che stimo, quindi qualche problema c’è. Per me non era solo colpa sua. Questa squadra ha una grande voglia, sa che deve fare di più e lo sta dimostrando».
UN NUOVO ESORDIO – «Il primo anno a Cagliari, al posto di Ficcadenti, avevamo preso anche lì la squadra nel turno infrasettimanale. Quello era un momento più difficile, era la mia prima volta, anche se non avevo il patentino ero io l’allenatore di quella squadra. Quella era una situazione critica, questa no».
I SINGOLI – «Rafael è da valutare, è convocato ma è difficile che giochi. Melchiorri? L’ho visto in questi giorni: deve crescere fisicamente, per questa partita non ci sarà. Lo conosco molto bene. Anche se sono andato a Bologna e Palermo, ho sempre seguito il Cagliari e conosco le sue caratteristiche. Melchiorri ci può dare tanto».
LO STAFF TECNICO – «Fini e Agostini? Io cerco di essere presente in tutti i lavori. Ago è cresciuto molto, ci può dare una grande mano in fase difensiva. Ho visto che ha un bel rapporto coi ragazzi».
Dichiarazioni raccolte dal nostro inviato ad Asseminello Roberto Carta
Articolo precedente
giovaniliCagliari Primavera, vittoria in rimonta a Salerno
Prossimo articolo
lopez cagliariLazio-Cagliari, i convocati di Lopez: c’è Rafael, out Cragno