Taglio stipendi: ok dei calciatori, ma ad una condizione

tommasi aic
© foto www.imagephotoagency.it

Taglio stipendi: dopo la richiesta della Lega, l’AIC ha riportato l’apertura dei calciatori. Ma solo a condizione che vengano saldati gli stipendi sino a febbraio

Sono giorni importanti per il futuro del calcio italiano, che vaglia le ipotesi per uscire dalla tormenta – soprattutto economica – portata dall’emergenza Coronavirus. Nella giornata di ieri la Lega ha ufficialmente chiesto la sospensione degli stipendi dei calciatori di Serie A all’AIC sino a fine emergenza. Dopo essersi confrontata con i rappresentanti dei 20 club di A, l’Assocalciatori ha aperto alla possibilità di congelamento, mettendo però la condizione imprescindibile dell’uniformazione dei vari club nei pagamenti: si dovranno saldare tutti gli stipendi sino a febbraio. Questo, riporta Sky Sport, il primo passo compiuto ieri in tema di stipendi degli sportivi.

TAGLIO STIPENDI – Oggi è in programma un nuovo incontro in cui si auspicano passi in avanti tra Lega Serie A ed Associazione Italiana Calciatori. L’AIC, oltre che riportare la richiesta dei tesserati sportivi dei club, avrebbe anche comunicato la loro volontà di scendere in campo – in caso di possibilità – a luglio ed agosto. Unita alla proposta di destinare parte dei fondi risparmiati ai club alla Serie C, Lega a forte rischio economico di fronte all’emergenza.