La sottosegretaria Zampa: «Con un positivo si ferma tutto»

lega serie a calcio
© foto www.imagephotoagency.it

Sandra Zampa, sottosegretaria alla Salute, parla del campionato di Serie A: «Non c’è mai stata ostilità nei confronti del calcio»

Sandra Zampa, sottosegretaria alla Salute, è intervenuta ai microfoni di Radio Punto Nuovo per parlare del campionato di Serie A:

«Con uno sforzo abbiamo anche dimostrato che non c’è stata mai ostilità nei confronti del calcio,  ma una grande capacità anche da parte del Cts. Il Comitato tecnico scientifico ha chiesto modifiche al protocollo Figc prevedendo la garanzia che se un giocatore dovesse risultare positivo, la squadra e tutto lo staff tecnico devono andare in quarantena oppure che siano i medici delle società ad assumersi le responsabilità dell’attuazione del protocollo. Questa sorta di bolla sterile nella quale si andrebbero a trovare, sia un elemento di garanzia per tutti, a partire dalla salute di queste persone. Abbiamo responsabilità molto precise se si entra in quella bolla, quarantena o ritiro, c’è la tutela anche dei medici. Se tutti sono in una condizione di salute garantita, non ci sono quegli aspetti o ricadute sulla responsabilità dei medici sociali. Ecco perché insisto sui comportamenti responsabili, ma comunque la decisione spetta a loro. Seguendo scrupolosamente il protocollo, non ci sono rischi o almeno questo è quanto dice il Cts».