Connettiti con noi

Avversari

Inter, Conte: «Con difese come quella del Cagliari è difficile. Su Darmian..»

Pubblicato

su

Antonio Conte, allenatore dell’Inter, ha rilasciato alcune dichiarazioni al termine della partita contro il Cagliari

Antonio Conte, come riportato da FcInterNews, ha rilasciato alcune dichiarazioni durante la conferenza stampa al termine del match tra Inter e Cagliari.

GOL DARMIAN – «Sta meritando di giocare, è un jolly prezioso, ho avuto il piacere di allenarlo in Nazionale ed era un ragazzo serio, lavoratore, sempre al suo posto anche se non gioca, e ora si sta togliendo grandi soddisfazioni. Per me può anche andare all’Europeo perché dà tante possibilità di impiego all’allenatore, è duttile e poi fa gol importanti. Sono contento per lui e se lo merita per la serietà che ha. Sanchez ha cercato di dare un apporto, con difese così chiuse non è facile, pensavo di utilizzare la sua velocità e tecnica perché ci aspettavamo questo tipo di gara, con un blocco compatto a difesa della porta e lanci lunghi per Pavoletti. Alexis ha dato il suo contributo e sono contento per l’impegno».

HAKIMI E LAUTARO – «Alexis meritava una chance dall’inizio, visto che in allenamento dimostra sempre di stare bene, Hakimi mi dava l’opportunità in panchina di cambiare le carte entrando e così è successo. Anche lui veniva da tante partite giocate e mi sembrava giusto farlo riposare un po’. Averlo dopo il 60′ ci ha permesso di cambiare passo in corsa, anche i centrocampisti di qualità hanno dato i loro frutti».

ABBRACCIO FINALE – «Provo sempre grandi emozioni, positive o negative. Cerco di trasferirle sempre ai miei calciatori, è anche giusto condividerle con loro, mi considero non un papà ma un fratello maggiore che a volte li sgrida e a volte li bacia. E’ giusto premiarli quando come oggi hanno dato tutto ed era giusto condividere tutti insieme questa gioia. Sappiamo anche che la strada è lunga anche se ci stiamo avvicinando, nulla è fatto. Ora due giorni di riposo meritati dopo 3 vittorie intense e riprendiamo il discorso da Napoli».