Connettiti con noi

Ex Rossoblù

Gigi Riva: «Vedo un’Italia convinta. Giocatore simbolo? Barella»

Pubblicato

su

Gigi Riva, storica bandiera del Cagliari, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito all’andamento dell’Italia durante gli Europei

Gigi Riva, storica bandiera del Cagliari, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai taccuini de La Repubblica in merito all’andamento dell’Italia durante gli Europei.

ITALIA – «Questa è una squadra per la quale mi viene subito un aggettivo che in fondo la riassume perfettamente: bella. Credo che dica tutto».

POSSIBILE VITTORIA – «Vedo volontà ferrea, voglia di fare, un gruppo unito, un bell’ambiente e una squadra convincete. E perché gioca davvero bene. Mi colpisce» .

GIOCATORI – «Questi giocatori hanno evidente consapevolezza delle proprie capacità. Sanno di essere superiori, come squadra, e quando vanno in campo hanno la determinazione di chi non dubita di se stesso».

RISCATTO MONDIALE – «Io credo che incida di più questo straordinario senso di sicurezza. Sono al massimo del rendimento, in questa fase della loro storia in Nazionale, e non hanno bisogno di nasconderlo a nessuno, senza che questo sconfini in presunzione».

ANALOGIE – «L’analogia la vedo principalmente con la nostra, quella che vinse l’Europeo del 1968 con Valcareggi. Eravamo anche noi una buona squadra, avevamo anche noi un buon dal nostro inviato Enrico Currò ambiente e un livello tecnico alto. Qui è certamente alto il livello del gioco».

MANCINI – «Lo ricordo taciturno, molto serio sul lavoro, concentrato. Ora lo vedo un po’ cambiato: sempre serissimo sul lavoro, ma perfettamente a suo agio. Dice sempre le parole giuste».

STAFF – «Oriali ormai è in Nazionale da una vita, Vialli e De Rossi sanno come muoversi in una situazione che padroneggiano. Vedo le persone giuste al posto giusto».

OSTACOLO – «Arrivati a questo punto, bisogna avere tanta fiducia, anche perché le cifre parlano chiaro. L’Italia ha giocato partite meravigliose in questo Europeo e comunque non si arriva per caso a metterne in fila 33 senza sconfitta».

GIOCATORE SIMBOLO – «Il nostro Barella: nostro della Sardegna. Ha personalità e serietà, è davvero un bel personaggio. È coraggioso, non ha avuto paura di partire giovane per andare a giocare nell’Inter. È un ragazzo che ha testa, basta sentirlo parlare: dà e darà grandi soddisfazioni».

BARELLA EREDE DI GIGI RIVA – «Nicolò dice queste cose perché è sensibile. Io l’ho conosciuto solo da ragazzino, quando non era ancora Barella. Lo vedo ora adulto, maturo, consapevole. Dobbiamo essere fieri di lui».

IMMOBILE – «Ha sempre dimostrato quello che sa fare. Gli dico di non perdersi d’animo e di tenere duro. Oltretutto ha una finale a disposizione. Magari per segnare un gol molto importante».

Advertisement