Connettiti con noi

Pagelle

Genoa-Cagliari, le pagelle: Nandez trascinatore, Marin a disagio

Pubblicato

su

Le pagelle di Genoa-Cagliari: Cragno limita i danni, Nandez suona la carica; Lykogiannis assente, Marin spaesato

GENOA (3-5-2): Perin 7; Masiello 6, Radovanovic 6,5, Criscito 6; Zappacosta 6,5, Strootman 6,5 (62′ Behrami 6), Badelj 6, Zajc 6 (77′ Melegoni sv), Czyborra 6 (56′ Onguene 5,5); Shomurodov 6,5 (77′ Pjaca sv), Destro 6,5 (62′ Pandev 6). A disposizione: Paleari, Marchetti, Bani, Ghiglione, Goldaniga. Allenatore: Davide Ballardini 6,5.

CAGLIARI (4-3-2-1): Cragno 6,5; Zappa 6, Ceppitelli 6, Godin 5,5, Lykogiannis 5; Nandez 6,5, Marin 5, Duncan 5,5 (70′ Sottil 6); Nainggolan 5,5 (85′ Pereiro sv), Joao Pedro 5,5; Simeone 5,5 (70′ Cerri 5,5). A disposizione: Aresti, Vicario; Tripaldelli, Calabresi, Walukiewicz; Caligara, Oliva; Pavoletti, Tramoni. Allenatore: Eusebio Di Francesco 5.

Le pagelle motivate dei rossoblù

CRAGNO 6,5: Solita prestazione da portiere di livello assoluto: incolpevole sul gol di Destro, evita il raddoppio genoano sul finale della partita con un tuffo strepitoso in chiusura su Zappacosta.

ZAPPA 6: Primo tempo difficile per il terzino ex Pescara, dove non riesce a spingere come vorrebbe e soffre in ripiegamento. Nella ripresa la musica cambia: con Nandez torna a formare una coppia pericolosissima, ma non riesce a suggerire bene per il pareggio.

CEPPITELLI 6: Sembra essere lui il veterano tra i due centrali della difesa cagliaritana: legge meglio le verticalizzazioni avversarie e tiene a bada anche sulla velocità le punte del Genoa; da aggiungere il suo colpo di testa al primo tempo, con cui sfiora l’1-1.

GODIN 5,5: Il Faraone ha perso il potere: il gol arriva da una palla scoperta letta male dall’uruguaiano, e in generale i padroni di casa puntano a giocare sulla velocità proprio contro di lui. Spesso in difficoltà sullo scatto, al secondo tempo prende più coraggio e imposta meglio l’azione aiutando i suoi a uscire dalla pressione avversaria.

LYKOGIANNIS 5: Nei primi quarantacinque minuti la sua prestazione è da dimenticare, e nel secondo tempo non si discosta di molto. Difensivamente fa pochissimo, saltato spesso e poche volte nella posizione giusta; inoltre fa mancare il suo apporto offensivo, eccezion fatta per qualche discesa non particolarmente interessante.

NANDEZ 6,5: Prende un giallo di frustrazione ai primi minuti (salterà il Sassuolo), ma è bravissimo a gestirsi ed evitare il rosso. Al secondo tempo suona la carica dei suoi con diverse combinazioni con Zappa: arriva spesso e volentieri sul fondo, ma non trova mai l’assist vincente per riportare la partita in parità.

MARIN 5: Di Francesco lo rimette in cabina di regia, e lui torna a non trovare bene le misure in campo. Palla al piede non è sicuro, sbaglia spesso la giocata e in qualche situazione perde palloni che potevano diventare sanguinosi. In tutto il match rimane completamente oscurato dalla marcatura della mediana del Genoa, che non gli da libertà di giocata.

DUNCAN 5,5: Entra in campo ancora in fase di rodaggio, ma lentamente si inserisce in partita. Nella seconda parte migliora il suo apporto alla squadra: prova a combinare con Lykogiannis sulla sinistra, si butta dentro e cerca di verticalizzare il gioco. Nel suo momento migliore Di Francesco lo tira fuori (70′ SOTTIL 6: Entra per dare la scossa in avanti ai suoi, e cerca di fare quello che gli riesce meglio: saltare l’uomo. Corre tanto, ma troppe volte a vuoto, e sembra non trovare mai la giocata giusta per svoltare la partita).

NAINGGOLAN 5,5: Il Ninja rimane nascosto a Marassi: solo qualche lampo del suo genio, con poche imbucate e in generale una mole di palle recuperate e smistate inferiore alla sua media. Verso il finale cerca di cambiare passo insieme a tutta la squadra, ma non basta (85′ PEREIRO sv: Pochissimo spazio per il fantasista uruguaiano, che entra a cinque minuti dal termine e tocca pochissimi palloni per provare a ribaltare l’andamento del match)

JOAO PEDRO 5,5: Altra prestazione ombrosa per il capitano rossoblù. Il Genoa si chiude a riccio quando è senza palla, e questo toglie a Joao Pedro la possibilità di inventare giocate per il movimento dei compagni. Oggi mancano anche i suoi dribbling e i suoi tiri: unico squillo di una gara silenziosa la palla servita al bacio per Cerri, che cercando di anticipare Perin alza troppo la traiettoria.

SIMEONE 5,5: Non è un giocatore da servire con palla alta, specialmente quando alle sue spalle si piazzano centrali fisicamente più forti di lui. I compagni non lo cercano nel modo giusto, ma anche lui non sfrutta le poche occasioni concessegli: sul tiro parato da Perin può sicuramente fare meglio (70′ CERRI 5,5: Cerca di strafare, e finisce per non fare quasi niente: si muove tanto, facendosi trovare spesso fuori posizione, e sbaglia qualche sponda di troppo. Joao Pedro lo invita e lui rifiuta sparando alto sull’uscita di Perin, poi non schiaccia abbastanza il colpo di testa).

DI FRANCESCO 5: La partita è molto combattuta e in generale il Cagliari non sfigura più di tanto contro un Genoa molto ordinato. Ma sotto 1-0, con cinque cambi disponibili, ne sfrutta solo tre, oltretutto togliendo Duncan che era si stanco, ma anche nel suo momento migliore del match (a differenza di Marin).

CLICCA QUI PER CONTENUTI VIDEO ESCLUSIVI SUL CAGLIARI!