Francescoli: «A Cagliari sono cresciuto tanto: ringrazio gli Orrù e Ranieri»

enzo francescoli 100
© foto Francescoli Cagliari

Anche il Principe Francescoli ha dato il suo contributo a celebrare i 100 anni del Cagliari tornando alla sua esperienza in Sardegna

Nella cerchia dei calciatori più talentuosi della storia centenaria del Cagliari c’è Enzo Francescoli. El Principe è tornato indietro con la mente al periodo rossoblu, evidenziando l’ambiente familiare di quel Cagliari: «Ho bellissimi ricordi del Cagliari, della Sardegna, della famiglia Orrùe soprattutto di Ranieri. Sono arrivato là con tane aspettative dopo il mondiale. I primi tempi sono stati durissimi, stavo un po’ male per via di un infortunio. Ma nelle difficoltà mister e società mi sono stati vicini: alla lunga questo mi diede l’opportunità di migliorare e fare bene – ha spiegato ai canali ufficiali del club -. Fu un anno strano, duro, ma mi servì. In carriera penso di aver avuto grandi successi e periodi negativi, come tutti. Ricordo bene il primo anno, fu importante per me come calciatore e come uomo. Sino ad allora avevo giocato in grandi club, a Cagliari ho trovato difficoltà. Ho dovuto imparare tantissimo, ringrazio Ranieri e la società: hanno saputo accompagnare la mia crescita. Mi è rimasto dentro. Mi è dispiaciuto non giocare la Coppa UEFA col Cagliari, ma sono cose che nel calcio succedono: era ora di cambiare, non ho rimpianti».