FIGC, Gravina: «La Serie A non si ferma, sabato si gioca»

gravina figc
© foto www.imagephotoagency.it

Gli scontri prima di Inter-Napoli e la morte di Belardinelli non fermeranno la Serie A: la parole del presidente federale Gravina

La Serie A non si ferma. E’ questo il messaggio che ha voluto dare Gabriele Gravina, presidente della FIGC, all’indomani delle vicende che hanno scosso il calcio italiano. Ieri, negli scontri che hanno preceduto il fischio d’inizio di Inter-Napoli, Daniele Belardinelli  (ultras del Varese) aveva riportato gravi ferite ed è morto in sala operatoria stamani. «Sabato si giocherà, ci saranno regolarmente le partite. Il campionato non si ferma: è una risposta tangibile per chi pensa che attraverso atteggiamenti come quelli di San Siro possa contaminare negativamente il nostro mondo. È risposta netta e secca: la decisione è che il 29 si giocherà la giornata di campionato». 

GRAVINA – Una presa di posizione netta quella del presidente federale. Che ha parlato anche dei cori territoriali e degli ululati razzisti partiti dai tifosi interisti nei confronti dei napoletani ieri al Meazza: «La linea deve essere molto dura ma anche qui invito tutti a fare una riflessione di rispetto per i ruoli. Tutto ciò che riguarda le sanzioni sportive spetta al Giudice Sportivo. Il questore è preposto alla sorveglianza dell’ordine pubblico, nel pieno diritto di proporre provvedimenti, quindi credo che la linea debba essere questa, di fermezza. E bisogna distinguere quanto avvenuto fuori dallo stadio da quanto accaduto dentro»

Articolo precedente
Udinese, de Paul squalificato: salterà il Cagliari
Prossimo articolo
barellaCagliariNews’ Award, Barella convince ancora