Connettiti con noi

News

Di Francesco: «Non importa chi gioca. Voglio risultato»

Pubblicato

su

Le parole dell’allenatore rossoblù Eusebio Di Francesco alla vigilia del match Cagliari-Sassuolo alla Sardegna Arena

Dopo il rinnovo (a tratti inaspettato) della fiducia da parte della società, Eusebio Di Francesco si trova a guidare il Cagliari verso l’inizio di un girone di ritorno in cui la parola d’ordine deve essere necessariamente giocare. La vittoria manca da troppo tempo, i risultati positivi si fanno desiderare e, per tutti quanti, è arrivata l’ora di fare sul serio, a prescindere dall’avversario che ci si troverà ad affrontare. Ecco le dichiarazioni che il tecnico rossoblù ha rilasciato ai giornalisti durante la conferenza pre Cagliari-Sassuolo, in programma domani alle 15 alla Sardegna Arena.

IL RUOLO DI NAINGGOLAN – «Radja regista? Tutto è possibile. Oggi abbiamo l’ultimo allenamento, ci sono dei giocatori con qualche problemino che dobbiamo ancora valutare. Al di là della formazione, a me non importa tanto chi gioca oppure no, ciò che mi interessa è la prestazione della squadra e il risultato».

NEWS DAL CAMPO – «Saranno indisponibili Ounas, Klavan e Luvumbo che sta lentamente rientrando e che magari farà un percorso iniziale con la Primavera per poter adattarsi meglio alle difficoltà legate al suo infortunio. Oggi si allenerà con noi Deiola che già conosce il gruppo. C’è qualche giocatore ancora da valutare, la lista dei convocati sarà diramata alla fine dell’allenamento».

GIULINI A CONFRONTO CON LA SQUADRA – «Il Presidente è presente con grande disponibilità sia nei confronti dello staff che della squadra. Noi ci confrontiamo tutti i giorni per cercare di tirare fuori il meglio, non è solo un qualcosa legato al brutto periodo o alla classifica. La società c’è sempre».

SASSUOLO: ESPERIENZA DA REPLICARE? – «Nella vita tutto è formativo, bisogna dimostrare e cercare di imparare dagli errori e dai momenti di difficoltà. Questa è un’esperienza diversa: al Sassuolo venivamo da poca conoscenza sia della categoria che delle difficoltà che consistono nel creare un’identità e una mentalità. Adesso è diventato per tutti un modello grazie anche al lavoro che abbiamo fatto con la società. Non so quanto quel percorso sia ripetibile, ci sono delle similitudini tra le due squadre ma il Cagliari è una squadra già da tempo abituata a questo campionato. Siamo più pronti».

FIDUCIA A DI FRANCESCO – «Questa fiducia mi è stata data prima della partita contro il Genoa, non è legata solo ai risultati. Sono orgoglioso di fare parte della squadra, spero che il cambiamento sia portatore di risultati importanti. È stato un grosso attestato di stima nei miei confronti, i discorsi fatti all’esterno mi interessano relativamente».

LA CLASSIFICA – «È giusto guardare la classifica lunedì, non oggi visto che abbiamo una partita in meno. La fiducia mi ha dato maggiore responsabilità per quello che sarà il mio cammino».

L’ATTACCO NON ATTACCA – «Non andiamo a segno da tre partite ma è anche vero che abbiamo avuto tantissime occasioni: la cosa che dispiace è essere stati poco concreti e poco cattivi, una cosa che non si può comprare al supermercato. Non ci possiamo permettere di restare ancora a digiuno, tutto quello che creiamo deve essere concretizzato. Posso solo continuare a lavorare e cercare di dare maggiore convinzione ai miei attaccanti che hanno qualità importanti nel fare gol. Simeone è da un po’ che non fa gol ma è uno che lavora tantissimo anche per la squadra. Da lui ci aspettiamo che possa segnare quanto prima».

QUANTO PESA LA PARTITA DI DOMANI – «Pesa perché è il momento di cambiare questo trend. Da ora alla fine ogni partita peserà tantissimo. Ci sono ancora tante partite, tante squadre da affrontare e a tutte dobbiamo dare l’importanza giusta».

IL MERCATO – «Stiamo cercando di muovere ancora qualcosa in determinate zone di campo ma credo tanto nella professionalità dei giocatori che sono oggi sulla bocca di tutti o chiacchierati. È stato un gennaio davvero difficile per tanti motivi e il fatto che non ci sia Nandez e delle soluzioni mi porta a fare delle considerazioni sui giocatori con determinate caratteristiche che si allenano con noi da tempo. La formazione di domani dipenderà non tanto dalle voci di mercato ma dagli uomini che riterrò più opportuni per questa gara».

CLICCA QUI PER CONTENUTI VIDEO ESCLUSIVI SUL CAGLIARI!