Connettiti con noi

News

Di Francesco: «Dobbiamo dare qualcosa in più, Duncan ci aiuterà tanto»

Pubblicato

su

Il tecnico rossoblù Eusebio Di Francesco ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Cagliari-Milan. Ecco le sue parole in diretta

Alla vigilia del posticipo della Sardegna Arena tra Cagliari Milan, il quale chiuderà la 18ª giornata di Serie A, il tecnico rossoblù Eusebio Di Francesco ha parlato in conferenza stampa per presentare la gara. Ecco le sue parole in diretta:

CLICCA QUI PER CONTENUTI VIDEO ESCLUSIVI SUL CAGLIARI!

Le parole di Di Francesco

DUNCAN – «Duncan oggi si è allenato per la prima volta con noi, è un calciatore che conosco bene e sono felice di averlo con noi. Gioca prevalentemente da mezzala ma posso usarlo anche come mediano nel 4-2-3-1. Potrebbe anche partire dall’inizio».

PSICOLOGIA DEL GRUPPO – «Non è un lavoro che si fa in due giorni, il lavoro psicologico è un percorso lungo. Tutti quanti dobbiamo dare qualcosa in più anche dal punto di vista del carattere».

MILAN – «Cercheremo di metterli in difficoltà. Abbiamo entrambi problemi numerici, loro hanno due positivi ma anche noi abbiamo fatto tante partite con assenze importanti. Spero che avremo un approccio meno timido, dobbiamo mettere esperienza, cattiveria agonistica e voglia di fare il risultato. Affrontiamo una grande squadra e noi stiamo attraversando un momento difficile, quella sulle “mani nei capelli” era solo una battuta ironica. Comunque, loro sono una squadra che ha dimostrato coi fatti di meritare la classifica che ha. Gli stadi chiusi hanno dato un piccolo vantaggio a una squadra in costruzione, ma Pioli ha fatto un grandissimo lavoro. Giocano davvero bene insieme, e avere un catalizzatore del gioco come Ibrahimovic li favorisce: dobbiamo cercare di limitarlo in qualsiasi modo».

CONVOCATI – «Oliva è tornato oggi con il gruppo, ne avevamo bisogno vista anche l’assenza di Nandez. Ho convocato Delpupo e Boccia della Primavera perché ci mancano tanti giocatori: Ounas che ha un problema all’adduttore, Faragò, Klavan e Carboni».

FIORENTINA – «A Firenze la squadra ha concesso poco agli avversari, abbiamo sbagliato un calcio di rigore e avuto più occasioni. Ho visto tante cose positive, a fine gara ero arrabbiato perché avremmo dovuto far punti e la nostra prestazione è passata per negativa solo per la sconfitta».

MERCATO – «Io suggerisco ma a volte non si arriva, per tanti motivi, a ciò che vuole un allenatore. Duncan è un giocatore che ho voluto fortemente per le sue caratteristiche, se ci dovesse essere la possibilità di fare altri acquisti certamente la società lo farà. Sicuramente ci sarà anche mercato in uscita».

CLASSIFICA – «Se dovessi valutare come si è allenata la squadra in questi 4 mesi mi sarei aspettato di trovarmi in una situazione differente. In alcune gare avremmo meritato di più, ma sono certo che tutto tornerà indietro. Siamo una società storica e dobbiamo dare di più, io in primis».

CENTROCAMPO – «A Bergamo non ho portato Radja perché deve ancora recuperare una condizione ottimale. Adesso la mia priorità è portare sia Nainggolan che Duncan a un buon livello di forma perché, per me, saranno due giocatori fondamentali».

Advertisement