Connettiti con noi

Esclusive

Cozzi: «Cagliari-Sassuolo? Potrebbe essere una partita spettacolare» – ESCLUSIVA

Pubblicato

su

Cagliari-Sassuolo si avvicina. In occasione di questo match, abbiamo intervistato Martino Cozzi, giornalista di CanaleSassuolo.it

Poco meno di 24 ore al calcio d’inizio di Cagliari-Sassuolo. La Sardegna Arena ospiterà domani la prima giornata del girone di ritorno. Per i sardi sarà una gara importantissima, dove l’unico obiettivo sono i tre punti e il lasciarsi alle spalle il periodo buio che ormai li accompagna da troppo tempo. In occasione del match domenicale, i nostri microfoni hanno intervistato il collega Martino Cozzi di CanaleSassuolo.it, per fare una conoscenza un po’ più approfondita dell’avversario. Ecco le sue risposte.

CLICCA QUI PER CONTENUTI VIDEO ESCLUSIVI SUL CAGLIARI!

Martino, il Sassuolo è al nono posto in classifica, con 30 punti totali. Il campionato dei neroverdi sta proseguendo positivamente, uno degli obiettivi di stagione è un posto in Europa?
«Il campionato disputato sino ad ora dai neroverdi è in linea con le aspettative. È vero, ci sono stati dei passi falsi con Parma, Udinese e Torino ma le sconfitte sono arrivate solo con le big. Gli infortuni e il Covid non hanno strizzato l’occhiolino a mister De Zerbi ma nelle ultime partite si stanno vedendo segnali di crescita. L’obiettivo da sempre dichiarato è quello in primis di migliorare l’ottavo posto della passata stagione e poi quello di puntare ad un piazzamento europeo. In questo momento, però, vedo molte squadre più attrezzate dei neroverdi ma la stagione è ancora lunga e la corsa all’Europa sarà una volata che si deciderà all’ultima giornata».

La settimana scorsa contro la Lazio il Sassuolo ha incassato una sconfitta. Con quale spirito gli uomini di De Zerbi affronteranno la gara della Sardegna Arena?
«La sconfitta con la Lazio ha lasciato tanto amaro in bocca. Non nascondiamoci: la Lazio è più forte del Sassuolo e questi valori si sono visti sul campo. C’è però da sottolineare che nei primi venti minuti la squadra di De Zerbi ha fatto veramente bene mettendo in difficoltà la retroguardia biancoceleste. Domenica sarà importante approcciare la partita nel miglior modo possibile per evitare di tornare a casa senza punti: i neroverdi hanno voglia di fare bene e saranno agguerriti sin dall’inizio».

Il Cagliari è una delle vittime preferite di Berardi, ma l’attaccante sarà ancora fuori per infortunio. Quanto peserà la sua assenza domenica?
«Berardi è uno degli uomini chiavi del Sassuolo, sia dal punto di vista tecnico che da quello di leadership. È il giocatore su cui puoi sempre fare affidamento nei momenti difficili della gara e domenica ce ne saranno tanti. La sua assenza pesa molto perché i colpi che ha lui tra i neroverdi non li ha nessuno. Traorè potrebbe avvicinarsi a lui, ma è ancora giovane e bisogna lasciargli il tempo necessario per crescere».

Il momento buio del Cagliari è sotto gli occhi di tutti. Secondo te, può in qualche modo condizionare anche la prestazione del Sassuolo, magari prendendo un po’ troppo alla leggera l’incontro?
«Le sfide con le squadre invischiate nella lotta per la retrocessione non sono mai facili. Soprattutto se la squadra in questione è il Cagliari, squadra che ha un organico per poter lottare per un posto in Europa. Credo che i neroverdi abbiano imparato la lezione dopo il gol subito dopo 6 secondi da Leao: da lì in poi gli approcci sono sempre stati ottimi, ma bisogna dare continuità anche durante la partita».

Cagliari-Sassuolo, quale è il pronostico di Martino Cozzi?
«Non so quale sarà il risultato finale, ma penso che Cagliari-Sassuolo possa essere una partita davvero spettacolare. I due allenatori si conoscono bene e le loro idee sono sostanzialmente simili: pressing alto e ottima gestione del pallone in fase di possesso. Credo che i rossoblù giocheranno con il coltello tra i denti vista la situazione pericolante in classifica, mentre il Sassuolo ha necessità di vincere se non vuole perdere il treno per l’Europa. Le premesse ci sono tutte e sembrano promettere bene, come al solito sarà il campo a dirci chi merita di vincere».