Comitato Grandi Eventi: «Serie A? Giochiamo tutte le gare in Sardegna»

cagliari serie a
© foto CagliariNews24.com

Dal comitato sardo per i grandi eventi arriva una proposta radicale per la ripresa della Serie A: giocare tutte le restanti gare del campionato in Sardegna

A lanciare la proposta è Francesco Accardo, membro del Comitato sardo per la celebrazione dei grandi eventi: per concludere il campionato di Serie A si potrebbe pensare alla Sardegna come location unica. «Come dichiarato dal Presidente della Regione, la Sardegna può essere certificata come prima area covid-free di tutta Europa, garantendo un serio controllo degli accessi e uno screening puntuale sui presenti. Non solo Sardegna come meta sicura per le vacanze, ma sicura (e soprattutto sperimentale) anche per le attività sportive agonistiche e in particolare per chiudere il campionato di Serie A».

Le modalità sarebbero ovviamente particolari: «Rigorosamente con partite a porte e chiuse e turni di gioco ogni tre giorni, la serie A potrebbe essere finalmente conclusa con una formula tipica del Mondiale e dell’Europeo, riuscendo dunque a disputare le ultime giornate del campionato. I campi da gioco – che potrebbero essere anche solamente tre in tutta l’isola – potranno essere regolamentati in deroga unicamente per l’accoglienza di sportivi e accompagnatori, oltre che per la trasmissione delle TV».

Secondo i proponenti non mancherebbero i benefici per l’Isola: «Gli hotel sparsi sull’ampio territorio regionale – eccellenze di accoglienza e eccellenze nella qualità degli impianti sportivi – possono rispondere adeguatamente alla domanda delle società garantendo i ritiri dei singoli club negli hotel isolani, anche con il mantenimento delle disposizioni attuali e future, vista la riduzione (e in alcuni casi totale cancellazione) delle prenotazioni estive. Alle società seguirebbe un forte indotto di TV, sponsor e personale tecnico-sanitario al seguito. Oltre che la capacità mediatica di attrazione post-evento da parte della Sardegna».