Chievo-Cagliari, le probabili formazioni: Pajac verso l’esordio stagionale

© foto Elena Accardi per CagliariNews24.com

Maran è pronto a dare una chance a Marko Pajac. Domani il laterale sinistro del Cagliari giocherà dal 1′ in Coppa Italia contro il Chievo Verona

Cagliari in campo anche durante la settimana. Domani sera però niente Serie A, spazio invece al quarto turno di Coppa Italia. Gara secca al Bentegodi contro il Chievo Verona: in palio la qualificazione agli ottavi di finale in programma a metà gennaio contro l’Atalanta. Non mancano le motivazioni, Di CarloMaran però sembrano orientati a dare ampio spazio a chi finora ha giocato meno. Nel Chievo ballottaggio in porta tra Sorrentino e il 20enne croato Adrian Semper. In difesa spazio a Rossettini, che domenica salterà per squalifica la sfida col Parma, CesarCacciatore. Qualche possibilità anche per Tanasijevic (un’espulsione per doppia ammonizione nell’unica gara giocata quest’anno in A). A centrocampo scaldano i motori KiyineRigoniBurruchagaGiaccherini, davanti spazio invece a Stepinski Djordjevic.

Tante assenze in casa Cagliari. Fuori, oltre ai soliti Castro e Lykogiannis, anche IonitaSau. In porta prima da titolare in stagione per il brasiliano Rafael. In difesa chance dal 1′ per Marko Pajac, finora mai utilizzato da Rolando Maran. Verso una maglia da titolare anche PisacaneRomagna e forse Andreolli. Il tecnico rossoblù potrebbe riproporre Faragò a centrocampo, magari insieme a BarellaDessenaCigarini. Le punte saranno CerriFarias.

Chievo-Cagliari, le probabili scelte di Di Carlo e Maran:

CHIEVO (4-3-1-2): Sorrentino; Tanasijevic, Rossettini, Cesar, Cacciatore; Rigoni, Burruchaga, Kiyine; Giaccherini; Stepinski, Djordjevic.
Allenatore: Domenico Di Carlo.

CAGLIARI (4-3-1-2): Rafael; Pisacane, Romagna, Andreolli, Pajac; Faragò, Cigarini, Dessena; Barella; Cerri, Farias.
Allenatore: Rolando Maran.

Articolo precedente
di carloChievo-Cagliari, Di Carlo: «Diamo continuità alle ultime prestazioni»
Prossimo articolo
giulini cagliariCagliari, Giulini: «Speravamo di avere qualche punto in più. Barella…»