I pagelloni del Cagliari 2018/19: Cerri

cerri cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

L’unica rete della sua stagione è arrivata in Coppa Italia, nessun sigillo in campionato. Alberto Cerri ha disatteso le (ragionevolmente) basse aspettative

Quindici presenze, di cui soltanto cinque da titolare, e nessuna rete. Il campionato di Alberto Cerri non è stato di certo entusiasmante. Soprattutto se si considera la cifra investita sul classe ’96, costato complessivamente 10 milioni. L’attaccante emiliano, tornato in Sardegna a due stagioni di distanza dalla prima esperienza (Serie B 2015/16), non è praticamente mai riuscito a rendere. I 15 gol e 10 assist realizzati a Perugia nello scorso campionato cadetto restano un dato importante, considerato che si parla di un classe ’96. Ma da allora è passato un anno, e col salto di categoria era quantomeno lecito aspettarsi che l’attaccante battesse un colpo, che facesse vedere che c’è anche lui e che in Serie A può starci.

I PAGELLONI 2018/19 DEGLI ALTRI ROSSOBLU

CERRI – La stagione conclusa da Cerri mette più di un punto di domanda sull’entità dell’operazione conclusa dal club: appena una rete, per di più in Coppa Italia, non può bastare. Nemmeno se il discorso – inevitabilmente – cade sui margini di miglioramento. E’ pur vero che nelle poche occasioni concrete di vederlo all’opera ha talvolta messo in mostra delle qualità tecniche rilevanti, nonostante una struttura fisica imponente che farebbe pensare all’opposto. E, sempre all’opposto delle apparenze, il centravanti ex Juventus ha dimostrato di non saper ancora sfruttare al meglio il fisico. Anche volendo chiudere entrambi gli occhi sulle reti (non) segnate, Cerri non è riuscito a mostrare quella crescita – seppur minima – che ci si sarebbe aspettati nell’arco della stagione. Aspettative, non di certo alte, disattese.

VOTO: 5