Ceppitelli carica il Cagliari: «A Bologna la gara più importante»

Elena Accardi per CagliariNews24.com
© foto www.imagephotoagency.it

Luca Ceppitelli, capitano del Cagliari dopo le partenze a gennaio di Dessena e Sau, carica la squadra in vista della trasferta di Bologna

Se Perisic non avesse toccato il pallone sul suo colpo di testa in occasione del vantaggio iniziale sull’Inter, probabilmente Luca Ceppitelli venerdì sera avrebbe festeggiato il doppio. Alla fine, però, anche per il suo zampino sull’autogol del croato e per una prestazione importante, il Cagliari ha portato a casa un successo che ha dato nuova linfa e permesso di ritrovare delle certezze che sembravano perse. Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Ceppitelli ha comunque tenuto a sottolineare: «Mi piace pensare che sia mio». Al di là della paternità della rete, il nuovo capitano dei sardi ha parlato della leadership nello spogliatoio. Dopo la partenza di Dessena e Sau, è lui a portare la fascia al braccio: «L’hanno portata due amici. Con Sau il rapporto resta splendido, abbiamo fatto tante vacanze insieme. E nel week end siamo andati insieme alla messa per Astori»

BOLOGNA-CAGLIARI, DIRETTA TV E STREAMING: DOVE VEDERLA

PRESENTE E FUTURO – La fascia da capitano al braccio, ma il contratto che scade nel 2020. Il discorso rinnovo va avanti da tempo, ma Ceppitelli non sembra particolarmente preoccupato: «Stiamo lavorando con la società. Il fatto è che io finora ho pensato solo al campo». Arrivato alla quinta stagione con la maglia del Cagliari, il difensore perugino non nasconde l’ottimo rapporto che ha con la città e la Sardegna: «Gran parte della mia famiglia è venuta a vivere qui. Sono molto attaccato a questa terra». Dalla vittoria ed il gol, solo accarezzato, all’Inter alla gara di Bologna. Come specificato ieri da Artur Ionita, la gara del Dall’Ara è una delle più importanti della stagione: «E’ la partita più importante e lo sappiamo. Se perderemo, non vorrà dir nulla aver battuto l’Inter. Sono forti, ben allenati, non costruiti per essere terzultimi. Dobbiamo stare attenti dall’inizio alla fine».