Casasco: «Una bolla stile NBA può aiutarci in caso di positività»

lega serie a
© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente dei medici sportivi Maurizio Casasco è convinto che la Serie A, in caso di positività, possa essere aiutata solamente da una bolla stile NBA

Il covid-19 continua a far paura. Son passati già tanti mesi dallo scoppio della pandemia, ma la situazione continua ad essere preoccupante, anche nel mondo dello sport. Il presidente della Federazione Medico-Sportiva e consigliere indipendente della Lega di Serie A Maurizio Casasco, in un’intervista alla Gazzetta dello Sport, ha parlato della possibilità di creare una bolla in stile NBA per il proseguimento del massimo campionato italiano: «Una bolla vera però può aiutarci in caso di positività e questo potrebbe evitare interventi differenti delle Asl. Sono i club stessi che dicono: “Non possiamo andare a casa, ci chiudiamo in una struttura unica e usciamo solo per allenarci e per giocare le partite”».

L’ASPETTO TAMPONI – Secondo Casasco anche i tamponi hanno i loro contro: «Fare un controllo a 48 ore della partita non ti assicura che sia superato il tempo della possibile incubazione. Così il rischio è che il test del venerdì non ti possa garantire che alla domenica il soggetto non possa infettare qualcun altro. La mia proposta è test antigienici ogni 2 giorni e il tampone RNA virale a 24 ore dalla partita. In attesa che siano validati quelli sulla saliva».

SPOGLIATOI E DOCCE – Se durante gli allenamenti si cerca il più possibile di rispettare i protocolli, mantenendo le giuste distanze per evitare i contagi, ci son luoghi dove il contatto è praticamente inevitabile: «Gli spogliatoi, le docce, in questi luoghi non deve entrare nessuno, neanche un dirigente o quello che fa le statistiche. Credo che serva comunque una taskforce legale e sanitaria della Lega pronta a intervenire in ogni emergenza. Un’altra cosa: le squadre Primavera. Bisogna far si che anche quei calciatori siano soggetti a controlli rigorosi tanto più in un momento in cui potrebbe essere più frequente la loro convocazione in prima squadra».

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!