Connettiti con noi

Hanno Detto

Capozucca: «Mercato difficile. Godin non può restare, oggi una decisione»

Pubblicato

su

Stefano Capozucca, ds del Cagliari, ha concesso una lunga intervista a L’Unione Sarda in cui ha fatto il punto della situazione

Stefano Capozucca, ds del Cagliari, ha concesso oggi una lunga intervista al quotidiano L’Unione Sarda, facendo il punto sul mercato rossoblù tra partenze, arrivi e rinnovi. Ecco un estratto delle sue dichiarazioni.

NODO GODIN – «C’è necessità di effettuare un ridimensionamento. Godin? Non si discute il giocatore ma il Cagliari non può permettersi un ingaggio che preclude altre operazioni. Stiamo lavorando a una soluzione che accontenti tutti».

CEPPITELLI – «Oggi ci sarà l’incontro decisivo con il suo agente. Ci sono ancora delle difficoltà ma noi vogliamo lui e lui vuole noi. Si troverà l’accordo».

FONDAMENTALI – «Chi è fondamentale? Innanzitutto stiamo lavorando a un prolungamento fino al 2025 del contratto di Joao Pedro. Ci sono Rog, Marin, Pavoletti e poi Radja. Vorrei risolvere la sua situazione prima che inizi il ritiro».

DEIOLA – «C’è qualche problema, il ragazzo ambisce ad avere qualcosa di meglio dal punto di vista economico».

NANDEZ – «Mi spiacerebbe privarmene ma allo stesso tempo meriterebbe un top club. Non c’è stata offerta del Leeds, l’Inter ha fatto un sondaggio, c’è qualche club straniero ma nulla di concreto».

CRAGNO – «Capisco le sue ambizioni, trattativa? Qualcosa c’è…».

FUTURO – «Per il futuro serve gente motivata. Posso dire che Carboni sarà un punto fermo, tornerà Caligara e in difesa tutto dipenderà da come andranno le cose con Diego».

IL CAGLIARI DI CAPOZUCCA – «Vorrei un Cagliari come quello che ho avuto nel primo anno. Un campionato tranquillo, vorrei dire ambizioso ma non creo illusioni».

SIMEONE E WALUKIEWICZ  – «Cerchiamo una soluzione che possa accontentare tutti. Walukiewicz è un giocatore forte ma se trovasse penalizzante restare può partire. Su Simeone la Sampdoria ha offerto due contropartite».

 

Advertisement