Canzi: «Sono soddisfattissimo, i ragazzi sono stati bravi»

cagliari primavera canzi
© foto CagliariNews24.com

Vittoria esterna per il Cagliari Primavera che batte l’Atalanta capolista 1-0. Canzi: «Abbiamo interpretato la partita come quella di Torino»

Un successo esterno che sembra valere doppio. La Primavera del Cagliari ha espugnato il campo dell’Atalanta capolista battendo i bergamaschi per 1-0 grazie al gol di Carboni arrivato durante la ripresa. Una prestazione, soprattutto nel secondo tempo, praticamente impeccabile quella dei rossoblù che hanno reso soddisfatto il tecnico Max Canzi. Ai microfoni del Cagliari Calcio, l’allenatore dei sardi ha commentato così il match: «Sono soddisfattissimo, abbiamo interpretato la partita come quella di Torino. Di solito pressiamo alti, stavolta un po’ per le assenze un po’ per le caratteristiche degli avversari, abbiamo deciso di aspettarli, per portarli in un imbuto e togliergli spazio. Abbiamo puntato sulle ripartenze, cercando di prenderli alle spalle perché in avanti avevamo due piccoletti e l’Atalanta fisicamente era superiore. I ragazzi sono stati bravi, hanno fatto esattamente quello che gli avevo chiesto, la partita è andata come l’avevamo preparata». Durante l’analisi della gara, Canzi sottolinea il fatto che probabilmente il risultato più corretto sarebbe stato un pareggio, considerando le ottime occasioni create anche dai nerazzurri, ma le partite sono fatte di episodi e questa volta la fortuna ha girato dalla parte degli isolani: «Stavolta abbiamo sfruttato gli episodi a nostro favore. Senza dimenticare che abbiamo avuto tre palle gol solari e che non è stato sanzionato un fallo su Contini al limite dell’area che avrebbe potuto portare al rosso per il difensore dell’Atalanta». Come mai la scelta di Nicolò Cabras tra i pali? «Sta allenando bene, ha un atteggiamento meraviglioso, oltre alle grandi qualità, e meritava una chance. Come faccio ruotare i giocatori di movimento, è giusto ogni tanto alternare i portieri». Nonostante la vittoria di oggi ed i 27 punti in classifica raggiunti, l’unico obiettivo rimane ancora la salvezza anticipata. Sabato prossimo i cagliaritani affronteranno il ChievoVerona che all’andata aveva annientato i rossoblù con un sonoro 4-0: la prossima partita sarà quindi importantissima sotto il profilo psicologico, la voglia di riscattarsi è tanta. Per quanto riguarda le assente di Riccardo Doratiotto e Francesco Verde, il mister della Primavera ha espresso il suo pensiero: «Speriamo che i nostri due ragazzi possano dare una mano alla prima squadra, in questo momento dove debbono fronteggiare una situazione di emergenza dettata dagli infortuni. Oggi abbiamo dovuto fare a meno di Francesco e Riccardo, sono piccoli sacrifici che facciamo più che volentieri, dato che lavoriamo tutti in funzione della prima squadra».