Canzi: «Buona risposta di tutto il gruppo»

cagliari primavera canzi
© foto CagliariNews24.com

Il Cagliari Primavera sbanca ad Udine. Le parole di mister Canzi nel post partita: «Oggi abbiamo concretizzato con cinismo»

Quello di oggi è stato un Cagliari che ha convinto. La Primavera rossoblù vince 4-0 contro i coetanei dell’Udinese e porta a casa tre punti importanti per continuare la scalata in classifica e assicurarsi un posto per i playoff. A mettere a segno il poker ci hanno pensato Doratiotto con la sua doppietta, Contini e Marigosu. Al termine del match il tecnico Canzi ha commentato ai microfoni del sito ufficiale del Cagliari Calcio la prestazione dei suoi ragazzi: «All’inizio abbiamo fatto un po’ di fatica, l’Udinese ha dei valori tecnici e comunque non aveva niente da perdere, quindi ritenevamo complicata questa partita, il campionato ha dimostrato che non ci si può distrarre. Il gruppo ha dato una nuova risposta dopo la battuta d’arresto di sabato contro il Palermo».

ASSENTI E CATTIVERIA SOTTO PORTA – Tra i convocati di oggi erano assenti due attaccanti di spessore, ma chi è stato chiamato a sostituirli ha risposto bene alla fiducia del mister: «Mancavano gli attaccanti come Verde e Gagliano, hanno segnato gli altri: ancora una volta abbiamo fatto vedere che chiunque venga chiamato in causa, dà il suo contributo. Tutti importanti, nessuno indispensabile: è la forza di questa squadra». Differenze rispetto alla partita della settimana scorsa? «Sabato scorso avevamo fallito almeno cinque palle gol pulite, oggi abbiamo concretizzato con cinismo, anche se forse potevamo fare meglio, in alcune occasioni abbiamo sbagliato il passaggio finale».

DISCORSO SALVEZZA E PLAYOFF – Nonostante il traguardo raggiunto e l’ottima posizione in classifica, Max Canzi preferisce non sbilanciarsi troppo e continuare a volare basso: «Non abbiamo ancora il conforto della matematica ma siamo vicini: mancano 5 partite alla fine del campionato con diversi scontri diretti. I numeri dicono che siamo più vicini ai playoff, aspettiamo ancora di avere la certezza di essere salvi prima di fare altri discorsi».