Connettiti con noi

Pagelle

Cagliari-Spezia, le pagelle: Pavoletti ritrova il goal, Klavan disastroso

Pubblicato

su

Le pagelle di Cagliari-Spezia: Pavoletti ritrova il goal, Cragno fa quello che può, Carboni e Klavan disastrosi

Il Cagliari viene beffato nel finale, un calcio di rigore trasformato da Nzola al 94′ pareggia i conti alla Sardegna Arena. Dopo un primo tempo opaco degli uomini di Di Francesco, terminato sotto di una rete grazie a Gyasi, nella ripresa si è rivisto un buon Cagliari. Nella seconda frazione di gioco i rossoblù sono riusciti a ribaltare il risultato con Joao Pedro Pavoletti, che ritrova il goal dopo 553 giorni.

Cagliari (4-2-3-1): Cragno 6.5; Zappa 6, Walukiewicz 6.5, Klavan 4.5, Carboni 5.5 (73′ Tripaldelli 6); Marin 5, Rog 6; Ounas 5.5 (77 Faragò s.v), Joao Pedro 6,5, Sottil 5 (89 Caligara s.v); Pavoletti 7 (77 Cerri 6). Allenatore: Di Francesco 5.5.

SPEZIA (4-3-3): Provedel 6; Ferrer 6 (46′ Sala 5.5), Terzi 5 (63′ Chabot 5.5), Erlic 6, Bastoni 6.5; Estevez 6 (63′ Deiola 5), Ricci 6 (84′ Piccoli 6), Maggiore 5.5; Gyasi 6 (80′ Agudelo s.v), Nzola 6, Farías 6.5. Allenatore: Italiano 6.5.

Le pagelle motivate dei rossoblù

CRAGNO 6.5: L’Uomo Cragno fa quello che può, è eccezionale nel primo tempo su Farias e nel secondo tempo su Piccoli, sventando il goal in entrambi i casi. Incolpevole sulle reti degli avversari, l’unica pecca sono i rinvii con i piedi.

ZAPPA 6: Il terzino soffre nel primo tempo le avanzate di Farias che lo punta, lo mette in difficoltà e lo salta con facilità. Nel secondo tempo prende coraggio e inizia a macinare metri sulla fascia, l’azione con l’assist a Pavoletti è un gioiello.

WALUKIEWICZ 6.5: Il polacco è il migliore della retroguardia rossoblù. Nonostante un primo tempo di sofferenza e sempre attento e pulito nelle chiusure, spesso copre le disattenzioni del compagno di reparto Klavan.

KLAVAN 4.5: Partita da dimenticare per il centrale estone. In assenza di Godin lo fa rimpiangere dal primo all’ultimo minuto. Nella prima frazione perde sempre Nzola che lo attacca alle spalle ed complice di Carboni sul primo gol degli aquilotti. Nel secondo tempo stende in modo maldestro Piccoli regalando il rigore allo Spezia.

CARBONI 5.5: Non è un terzino e si vede. Soffre nel primo tempo il gioco sulle fasce dello Spezia, non riuscendo quasi mai a fermare Gyasi e Ferrer. Sul primo goal dello Spezia dorme dimenticandosi l’uomo alle spalle. Nella ripresa prova a crescere e tenta qualche timida discesa. (73′ TRIPALDELLI 6: entra in campo e mantiene la posizione, svolge il compitino senza eccedere)

MARIN 5: Ancora una prova opaca per il rumeno. Tra primo e secondo tempo non cambia marcia e dimentica di togliere il freno a mano. Non azzarda mai una giocata in verticale, duettando solo con il compagno Walukiewicz alle sue spalle. Poca personalità e poche idee.

ROG 6: Nel primo tempo in affanno, corre tanto ma la superiorità numerica dello Spezia a centrocampo si nota. Marin lo aiuta poco ma il croato non demorde e prosegue la partita in crescendo. Nel secondo tempo recupera tanti palloni e regge da solo il centrocampo rossoblù, nonostante a tratti appaia stanco dalle precedenti partite.

OUNAS 5.5: Tocca tanti palloni ma tutti in maniera sterile. Non si accende a dovere e non serve i compagni come il tecnico si aspetterebbe. Nel primo tempo è egoista nel non servire Pavoletti dopo due dribbling in area. L’unica nota positiva è l’imbucata per Zappa nell’azione del goal di Pavoloso (77′ FARAGÓ S.V)

JOAO PEDRO 6.5: Grande assente del primo tempo, tocca pochi palloni e lo fa male. Riappare come per magia nella ripresa e lo fa a modo suo: primo tiro nello specchio e goal. Da la scossa al Cagliari e inizia a impensierire la difesa avversaria con buone giocate e inserimenti.

SOTTIL 5: Grande assente non giustificato del match. Veniva da grandi prestazioni nelle scorse gare ma oggi ha steccato. Nel primo tempo è invisibile, tocca solo due palloni nei primi minuti e poi scompare dalla manovra. Nel secondo tempo prova a essere più presente ma sbaglia una clamorosa occasione a tu per tu con Provedel (89′ CALIGARA S.V)

PAVOLETTI 7: Era il grande atteso e così è stato. Nel primo tempo si fa attendere perché come il resto della squadra gioca una partita opaca. Nella ripresa cresce insieme alla squadra e al 58′ trova un bellissimo goal: anticipo sul primo palo e colpo di tacco a battere il portiere. Dopo 553 giorni Pavogol è tornato (77′ CERRI 6: è in un buon momento, entra subito in partita lottando e facendo a sportellate con tutti. Prende alcuni falli utili alla squadra per rifiatare e prendere campo).

DI FRANCESCO 5.5: Deve mandare in campo una squadra priva di alcuni importanti elementi, ma sembra che i suoi uomini soffrano terribilmente le assenze. Il primo tempo è un disastro, con zero tiri in porta e molta sofferenza. Suona la carica all’intervallo e nella ripresa ribalta la partita, peccato per la disattenzione finale.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

Advertisement