Cagliari, difesa falcidiata: Maran studia la soluzione

maran cagliari
© foto Elena Accardi per CagliariNews24.com

In casa Cagliari la testa è ben concentrata sull’impegno di domenica contro la SPAL. Maran deve però fare i conti con la carenza di difensori

Il rientro in gruppo di Fabio Pisacane fa tirare un sospiro di sollievo a Rolando Maran, che però deve fare i conti con assenze di peso nel suo pacchetto difensivo. Domenica pomeriggio, nel match interno contro la SPAL, il tecnico trentino dovrà con tutta probabilità fare a meno di Lykogiannis, Mattiello e Cacciatore. Il greco sta seguendo una tabella personalizzata per superare il fastidio al tendine d’Achille accusato ai primi di ottobre. Per Mattiello e Cacciatore si tratta di affaticamento muscolare: nulla di grave, anche se i due lavorano in differenziato e difficilmente saranno del match. Non solo, perchè Klavan soffre di un risentimento all’adduttore che da tempo lo costringe a svolgere un lavoro differenziato. Ieri l’estone ha svolto parte di sessione con la squadra, ma la sua presenza contro la SPAL è tutta da verificare.

CAGLIARINEWS24 È ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

DIFESA ANTI-SPAL – Se i quattro elementi sopracitati non dovessero riuscire a recuperare in tempo per Cagliari-SPAL, Maran dovrà forzare le scelte. Al centro della difesa ci sarà capitan Ceppitelli, affiancato con ogni probabilità da Pisacane. A destra, viste le condizioni precarie di Cacciatore e Mattiello, potrebbe rivedersi Pinna. Il terzino classe ’97 aveva iniziato la stagione esordendo in Coppa Italia e Serie A nella seconda metà di agosto, poi soltanto panchina. Ora, vista la situazione a destra, le sue quotazioni salgono. Sulla fascia opposta non ci sarà Lykogiannis: Maran dovrà ricorrere a Pellegrini, reduce dalle due gare con l’Under 21. Scelte forzate, dunque, per il tecnico.

ALTERNATIVE FORZATE – Coperta la linea titolare, resta da pensare alla panchina: è tutt’altro che da sottovalutare l’assenza di alternative. Contro la SPAL dovrebbero entrare in distinta due soli terzini di ruolo (possibile chiamata per un Primavera), mentre al centro l’unica alternativa ai due titolari è rappresentata dal 2000 Walukiewicz. Non è un caso che Maran, nella sfida contro il Pogon della scorsa settimana, abbia provato Faragò e Deiola centrali di difesa e Rog come terzino sinistro. Un esperimento che – vista la carenza di difensori delle ultime settimane – potrebbe tornare utile, magari a gara in corso.