Cagliari, passo falso ma non tutto è da buttare

cagliari
© foto 05-07-2020 Calcio, Serie A 2019/20, Cagliari, Sardegna Arena, Cagliari vs Atalanta. Foto Gianluca Zuddas/CagliariNews24.com. Nella foto: Zenga

Dopo tre risultati utili consecutivi il Cagliari si ferma al cospetto dell’Atalanta: qualche errore ma anche timidi segnali positivi

La prima sconfitta interna del Cagliari di Zenga porta con sé ombre e luci. Partiamo dalle aggravanti: l’Atalanta vista ieri alla Sardegna Arena era rimaneggiata dal turnover di Gasperini e non ha saputo affondare il colpo nei momenti in cui avrebbe potuto chiudere una gara giocata senza mai davvero pestare sull’acceleratore. D’altro canto ci ha messo del suo anche il Cagliari per tenere il match aperto fino al novantesimo. I rossoblù in realtà si erano addirittura portati avanti con un gran gol del solito Simeone (sarebbe stato il suo quinto centro di fila), ma un regolamento balzano e la sua applicazione pedissequa hanno vanificato la prodezza. Poi ci si è messo il gesto maldestro di Carboni – che ha le ampie attenuanti di un ragazzo forte ma in cerca di esperienza – e tutto poteva finire in quell’istante. Non è stato così.

Il Cagliari della serie nera sarebbe uscito idealmente dal campo dopo la doppia mazzata di svantaggio e inferiorità numerica, ma forse proprio qui sta il segnale di un’identità di nuovo forte e battagliera. Nandez e compagni hanno continuato a fare la loro gara, salvando anche qualche energia per l’assalto finale a caccia del pari. Lo spirito c’è, ora a Firenze servirà come il pane visto che i rossoblù arrivano alla gara di mercoledì ancora con qualche assenza di troppo e incontrano un avversario rinfrancato. La squadra di Zenga comincia ad avere delle certezze tattiche, possibili ovviamente se la contingenza non obbliga a impieghi fuori ruolo: dalla sconfitta di ieri i sardi possono ripartire senza punti in tasca ma con qualche spunto utile su cui lavorare.

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy