Cagliari, Dessena raggiunge le 200 presenze in rossoblù

© foto www.imagephotoagency.it

Cagliari, Dessena e Barella timbrano il cartellino con numeri importanti: sono rispettivamente 200 presenze in rossoblù e 100 gettoni da professionista

La domenica appena trascorsa è stata una domenica speciale per tanti. Il ricordo di Davide Astori ha toccato il cuore di tutti, il gol di Pavoletti ha permesso di tirare un sospiro di sollievo a tutto il popolo rossoblù e alla stessa squadra, il fiocco azzurro in casa Pavoletti ha fatto sorridere il neopapà dandogli la carica giusta per una partita importante e i centrocampisti rossoblù Barella e Dessena hanno raggiunto dei traguardi prestigiosi.

CAPITANO, SONO 200 – Era nell’aria il traguardo delle 200 presenze con la maglia del Cagliari per capitan Dessena e domenica ha potuto raggiungere il suo grande risultato. Entrato durante gli undici minuti di recupero del secondo tempo della partita al Franchi, Daniele Dessena ha vissuto una doppia emozione: il ricordo del suo compagno Davide Astori e la registrazione della sua 200esima giocata in rossoblù. La sua carriera nell’isola è iniziata nella stagione 2009-2010. L’annata successiva si è spostato alla Sampdoria, per poi rientrare in Sardegna nel 2011 e da allora veste con continuità i colori sardi. Sono 10 le reti realizzate durante la sua lunga carriera cagliaritana, carriera che tra l’altro sembra proseguire all’insegna della fedeltà per una squadra ed un popolo che l’hanno accolto e fatto sempre sentire a casa.

BARELLA QUOTA 100 – Anche il giovane centrocampista Nicolò Barella festeggia un primo traguardo importante. A soli 21 anni, sono già 100 le presenze del sardo come professionista. Un passo importante per un ragazzo che è nel fiore dei suoi anni e che può dare tanto al calcio italiano. Attualmente sono 7 i gol messi a segno dal talentuoso rossoblù, che continua a sorprendere giornata dopo giornata con le sue giocate, convincendo sempre di più ed attirando tante attenzioni da parte dei grossi club italiani e non.

Elena Accardi

Articolo precedente
serie aSerie A, classifiche a confronto: Cagliari, +4 rispetto alla scorsa stagione
Prossimo articolo
Chievo, mirino sul Cagliari: tattica e lavoro aerobico