Cagliari Calcio, i numeri della società presentati nel workshop

cagliari calcio passetti
© foto cagliaricalcio.com

Un milione e duecentomila tifosi, crescita negli introiti da sponsor e merchandising ma anche il progetto degli stadi: lo stato del Cagliari Calcio in vetrina al Forte Village

Giornata piena per il Cagliari Calcio, che dopo la conferenza congiunta di Giulini, Rastelli e Rossi ha presentato al Forte Village il suo primo workshop. L’occasione, organizzata insieme a Infront che sarà legata al club rossoblù ancora per tre anni, ha permesso alla dirigenza della società di via Mameli l’esposizione dei propri numeri davanti agli sponsor e alle aziende vicine al sodalizio. Numeri che parlano di 700mila tifosi diffusi nell’isola, per un bacino di utenza che sale fino a un milione e 200mila sull’intero territorio nazionale. Una squadra che si piazza al nono posto in Italia per numero di sostenitori, e che presenta numeri in crescita a livello aziendale. Nell’ultimo triennio sono addirittura triplicati gli introiti da sponsor, più che raddoppiati quelli da merchandising ufficiale; incoraggiante la risposta del pubblico allo stadio nonostante i posti limitati dovuti all’impianto cittadino, la percentuale di riempimento degli spalti è addirittura la seconda del nostro paese.

LA ROTTA DEL CAGLIARI CALCIO – L’intervento del direttore commerciale, marketing e comunicazione Mario Passetti ha tracciato le linee guida sia per quanto riguarda la missione aziendale che per gli stadi, uno in costruzione e uno nei progetti: «Il sistema calcio in Italia si regge per lo più sui ricavi derivati dai diritti televisivi. Una società sana e ambiziosa come il Cagliari deve però necessariamente diversificare gli introiti commerciali: il modello virtuoso arriva da realtà come Germania e Regno Unito, dove il bilanciamento dei ricavi è più equo. In quest’ottica lo sponsor occupa un ruolo di tutto rilievo. Ma lo sponsor per avvicinarsi al calcio non può solo basarsi su tifo e passione, ha bisogno che i suoi investimenti siano accompagnati da ritorni economici e di immagine. È ciò che offre il Cagliari a chi sceglie di sostenerlo, forte di numeri importanti realizzati soprattutto negli ultimi anni sotto la gestione della nuova dirigenza. Tutti gli indicatori analizzati testimoniano una crescita importante del Club, ma di certo non vogliamo fermarci qui. Il Club guarda al futuro costruendo ben due stadi. La Sardegna Arena, l’impianto che accoglierà la squadra e tifosi a partire dalla prossima stagione, cresce ogni giorno a vista d’occhio a fianco al vecchio Sant’Elia: con oltre 16 mila posti, Main Stand al coperto, tribune distanti appena sette metri dal campo, un’area museale che parlerà della storia del Club, sarà un impianto che ci permetterà di fare un salto di qualità, il nostro piccolo teatro dei sogni. In attesa di realizzare il nuovo Sant’Elia, quando daremo una nuova casa, definitiva, all’avanguardia a livello internazionale al Cagliari e a tutto il popolo rossoblù».

Articolo precedente
varSerie A, le date della prossima stagione: si inizia il 20 agosto
Prossimo articolo
sion acquafrescaAcquafresca si propone: «Cagliari, vorrei tornare»