Cagliari sull’altalena, ma l’avvio di campionato è nella media

cagliari rastelli
© foto www.imagephotoagency.it

Avvio nella media degli ultimi dieci campionati di A. Ma a preoccupare è la discontinuità della squadra, finora incapace di tenere alto il rendimento nel lungo periodo

Sei punti in sette gare, il Cagliari galleggia al di sopra della zona retrocessione ma le ultime tre partite hanno fatto suonare l’allarme in casa rossoblù. Come pronosticabile (e pronosticato) i sardi sono usciti dal San Paolo con un pugno di mosche. E tre reti sul groppone. Il primo gol ha complicato i piani della squadra di Rastelli, che ha tentato di aggredire (fin troppo, lasciando grande distanza tra le linee) il Napoli sin dall’inizio dell’azione. Il prosieguo del match è storia nota, il Cagliari si è sciolto come spesso accaduto in passato ed il Napoli ha completato l’opera senza troppe difficoltà. Tre sconfitte di fila sarebbero sufficienti a parlare di mini-crisi, se non fosse che la squadra isolana conta quei sei preziosi punti guadagnati contro Crotone e Spal. Una partenza altalenante ma in linea con l’obiettivo salvezza, che in media nelle ultime dieci stagioni è stata conquistata con circa 35 punti. E, sempre in ottica numeri, la media punti conquistata dai sardi dopo 7 giornate nelle ultime dieci stagioni di Serie A si aggira sulle 7 unità. Una in meno di quelle raccolte finora dal Cagliari del Rastelli-ter.

L’AVVIO DEI SARDI – Tolte, per ovvi motivi, le gare (tutte in trasferta) contro le big Juventus, Milan e Napoli, il Cagliari ha giocato le restanti partite contro quattro compagini alla portata. Prima le vittorie contro Crotone e Spal hanno alzato l’asticella delle aspettative, poi i passi falsi contro Sassuolo e soprattutto Chievo hanno fatto crollare le certezze di appena qualche giorno prima. Tutto da ricostruire, dunque. Ripartendo dalla gara contro la Spal e dalle (poche) note positive delle ultime uscite. I dubbi non derivano tanto da una classifica che, tutto sommato, rimane tranquilla ma dai numerosi passi indietro dal punto di vista della prestazione. L’involuzione che ha caratterizzato le ultime tre uscite dei rossoblù è da bloccare sul nascere. In questo senso la pausa per le nazionali sarà di aiuto, con la squadra che farà quadrato e tenterà di ripartire: al rientro ci sarà il Genoa alla Sardegna Arena, gara da non sbagliare per rimettersi sui giusti binari.

Articolo precedente
Cagliari in campo ad Assemini. Lavoro in gruppo per van der Wiel
Prossimo articolo
ionita cagliariNazionali rossoblù, il programma delle gare