Cagliari, 10° posto irraggiungibile: servirebbe un 10-0 all’Udinese

pisacane cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

La vittoria del Bologna sul Napoli rende praticamente impossibile il 10° posto del Cagliari: servirebbe una goleada all’Udinese

Il 10° posto diventa irraggiungibile prima ancora di giocare l’ultima partita. Non per questo però il Cagliari non proverà a vincere contro l’Udinese. L’obiettivo della squadra di Maran è arrivare il più in alto possibile e la classifica, risultati dagli altri campi permettendo, dice che si può arrivare al massimo undicesimi. La parte sinistra della classifica è diventata un’utopia dopo il 3-2 di ieri in extremis del Bologna sul Napoli. Come vi avevamo spiegato, per provare a raggiungere il 10° posto il Cagliari doveva sperare – tra le altre – in un mancato successo degli emiliani, che invece si sono imposti all’88’ al Dall’Ara.

DIFFERENZA RETI – La squadra di Maran ora può al massimo arrivare a pari punti, ovvero 44, con i bolognesi. Per decretare a chi spetta il piazzamento più alto si valutano gli scontri diretti, che però sono in perfetta parità anche per quanto riguarda la differenza reti (2-0 in Sardegna, 2-0 al Dall’Ara), il secondo criterio tenuto in conto. A quel punto subentra la differenza tra il totale delle reti segnate e le reti subite e i numeri parlano chiaro: -8 del Bologna e -17 del Cagliari. Questo significa che l’unico modo che hanno Pavoletti e compagni di raggiungere il 10° posto (risultati di Spal, Sassuolo e Parma permettendo) è quello di vincere con almeno 10 reti di scarto sull’Udinese. Roba mai vista in Serie A. Non basterebbero un “semplice” 9-0, perché a quel punto si contano i gol segnati e anche qui il Bologna è in vantaggio (48 a 35). Il club sardo non può nemmeno sperare nella classifica avulsa (vale a dire quando più di due squadre arrivano a pari punti), dal momento che ha gli scontri diretti a sfavore con le altre due squadre che possono chiudere a 44, il Sassuolo e il Parma.