Bruno Alves: «Cagliari è un posto perfetto, non potevo fare scelta migliore»

bruno-alves
© foto www.imagephotoagency.it

Il difensore del Cagliari Bruno Alves tra presente e futuro con la maglia rossoblù

È arrivato in Sardegna da campione d’Europa con il Portogallo, con quasi 80 partite alle spalle nelle coppe europee. Ma a Bruno Alves è bastato poco tempo per innamorarsi di Cagliari e del Cagliari«Per me è stato un periodo molto positivo. L’obiettivo iniziale era quello di salvare la squadra e adesso stiamo lavorando per ottenere il miglior piazzamento in campionato. Non potevo fare scelta migliore», ha rivelato il difensore portoghese nell’intervista concessa al portale GianlucaDiMarzio.com. «Al mio arrivo a Cagliari – prosegue Bruno Alvessapevo che avrei giocato per un club storico della Serie A, ma che veniva dalla Serie B e quindi non sarebbe stato facile ottenere i nostri obiettivi. Ma la vita è fatta di sfide e per me accettare Cagliari è stata una sfida: il primo anno è andato molto bene, il secondo sarà anche meglio. Amo il modo in cui i tifosi del Cagliari mi caricano e mi fanno sentire il loro affetto. Mi hanno fatto sentire uno di loro fin dal primo giorno, quando mi hanno accolto in aeroporto e le cosa si è ripetuta in ogni singola partita. Mi danno una grandissima carica, emozioni speciali. Cagliari è un posto perfetto: da una parte qualità della vita, dall’altra la possibilità di giocare un calcio di alto livello».

FUTURO – «Quando sono arrivato qui il mio obiettivo era di imparare e di conoscere il calcio di una grande Nazione come l’Italia. La Serie A e il Cagliari mi sono piaciuti tantissimo, mi sono innamorato di questo torneo. Il resto dipende dal presidente. Io ho ancora un anno di contratto e mi impegnerò al massimo, poi vedremo cosa mi riserverà il futuro».