Zola: «Scudetto unico, Riva un eroe. La mia esperienza? Non me ne pento»

cagliari 2003-04 zola reja esposito cellino langella suazo
© foto Ansa

A tutto Gianfranco Zola: «Lo Scudetto fu qualcosa di unico, un’impresa. A 37 ero al bivio: non mi penso di aver scelto il Cagliari al posto della Champions col Chelsea»

Gianfranco Zola, ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, ha parlato dello Scudetto vinto dal Cagliari nel 1970 e ricordato la sua esperienza da calciatore in rossoblù. Ecco le dichiarazioni:

«Un qualcosa di unico. Un’impresa straordinaria, di cui si parla ancora con enfasi. Vale sempre il discorso che, se fai le cose bene col giusto impegno, i risultati arrivano. Io dei sardi ammiro soprattutto la caparbietà. Credo sia l’elemento dominante del carattere, il valore principale. I sardi sono schivi, tranquilli, hanno volontà e determinazione, ma soprattutto caparbietà. Ho conosciuto in Sardegna alcuni eroi, oltre a Riva, di quella squadra. Sono state belle emozioni. Io al Cagliari? Un’esperienza che volevo fare, una scelta d’amore: avevo 37 anni, ero a un bivio: fare la Champions League col Chelsea o giocare in serie B per la squadra della mia terra. Scelsi la seconda. Non me ne pento. È stato bellissimo»,